Stabat mater 15-18: donne in guerra

Lo "Stabat Mater" (dal latino per "Stava la madre") è una preghiera cattolica del XIII secolo attribuita a Jacopone da Todi. La prima parte della preghiera, che inizia con le parole "Stabat Mater dolorosa" ("La Madre addolorata stava") è una meditazione sulle sofferenze di Maria, madre di Gesù, durante la crocifissione e la Passione di Cristo.


E "Stabat mater" è il nome scelto da Mauro Casappa (ideazione, musica, regia e allestimento), Pietro Bandini (fotografie su lastre metalliche e allestimento) ed Oscar Accorsi (riproduzione virtuale in 3d e carpenteria metallica) per il progetto che sarà allestito al centro civico "La Corte" di Traversetolo dal 5 al 10 marzo e che verrà inaugurato sabato 5 marzo alle ore 17,30

L'evento, organizzato dall'Assessorato alle Pari Opportunità e Assessorato alla Cultura è in collaborazione con il comitato "Sei di Traversetolo se" e officine On/Off di Parma.

Si tratta di un lavoro pensato per ricordare le fatiche e i patimenti che l'universo femminile ha sopportato durante la prima Guerra Mondiale ed è dedicato a tutte le donne che, anche adesso, vivono i disagi di guerre e conflitti politico-religiosi.

Il lavoro comprende una installazione audiovisiva e una performance live.

Nell'istallazione il visitatore troverà sette immagini di donne, impresse su lastre di ferro arrugginito percosse da segmenti di rosario azionati da motori elettrici a velocità modulata. L'aria satura di fumo avrà lo scopo di sollecitare da parte dell'osservatore una più acuta attenzione, come a dover sforzarsi di cercare i profili delle figure davanti a sé. Di tanto in tanto, voci e suoni lontani percorreranno l'ambiente.

Visitare la mostra "Stabat Mater" sarà quindi una esperienza sensoriale intensa in cui suoni, luci, fumo e immagini non lasceranno il visitatore indifferente.
Oltre all'installazione, martedì 8 marzo è inoltre in programma uno spettacolo alle ore 21,00.

Lo spettacolo proporrà testi originali ispirati al tema della mostra e realizzati da Karima Cristina Crosali. Gli interpreti saranno Annalisa Pelacci, Francesca Grisenti, Gianfranco Tosi ed Elia Bertoli Armani.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • 'Renato Brozzi e la scultura animalista italiana tra Otto e Novecento" al museo Renato Brozzi

    • dal 11 febbraio al 30 maggio 2021
    • Museo Renato Brozzi di Traversetolo
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ParmaToday è in caricamento