Teatro Regio e Casa della Musica aperti insieme alle visite degli appassionati

Un’iniziativa delle due Istituzioni offre l’ingresso ridotto ai visitatori dei Musei della Casa della Musica e del Teatro Regio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

“Sono particolarmente lieto – sono parole di Marco Capra, presidente dell’Istituzione Casa della Musica - che lo spirito di collaborazione tra le forze che operano in campo musicale e teatrale nella nostra città si rafforzi attraverso iniziative come questa. In un momento in cui si lamenta da più parti la scarsa attenzione da parte delle istituzioni e del pubblico degli appassionati per le iniziative museali, la proposta che il Teatro Regio rivolge alla Casa della Musica e ai suoi tre spazi museali è nel segno di una sensibilità e di una intelligenza nell’uso delle risorse che ci auguriamo funzioni da modello per tutti”.

Dal primo di giugno infatti partirà un’iniziativa voluta dal Teatro Regio e dalla Casa della Musica per favorire i turisti che visitano la nostra città, gli appassionati di musica o semplicemente coloro che desiderano visitare e conoscere alcuni dei luoghi simbolo della storia e del presente musicali della nostra città.

Da questa data, acquistando il biglietto per l’ingresso ad uno dei Musei della Casa della Musica (il Museo dell’Opera, la Casa del Suono o il Museo Casa natale Arturo Toscanini) sarà possibile acquistare a prezzo ridotto quello per visitare il Teatro Regio. Allo stesso modo, chi è in possesso del biglietto per visitare il Teatro Regio potrà acquistare a prezzo ridotto quelli per uno o tutti i “Musei della Musica” della Casa della Musica. Sarà cura del personale preposto alle visite dei Musei della Casa della Musica e del Teatro Regio informare i visitatori di questa nuova possibilità, che crea una sorta di circuito dei luoghi in cui la storia della musica e del teatro musicale a Parma - delle sedi in cui si è sviluppata e degli artisti che l’hanno fatta, e della rivoluzione poi introdotta con l’invenzione delle “macchine parlanti”, cioè degli strumenti di riproduzione e poi di elaborazione del suono - si svolge per immagini, documenti, suoni, strumenti, oggetti preziosi e unici.

Altre informazioni sull’attività della Casa della Musica su www.lacasadellamusica.it

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento