Il martedì al Monoprix Teatro Due, 27 e 28 marzo‏

Acclamato nei Festival di Avignone e di Edimburgo, dopo il trionfo di Parigi, Roma e Milano arriva a Parma Il martedì al Monoprix, affascinante testo di Emmanuel Darley. La versione italiana, tradotta e adattata da Raffaella Morelli, che ne firma anche la regia, vede in scena Enzo Curcurù nei panni della transessuale Marie-Pierre, in scena a Teatro Due venerdì 27 e sabato 28 marzo alle ore 21.00.

Da qualche tempo, ogni martedì, Marie-Pierre e suo padre vanno al Monoprix. Fanno acquisti per la settimana, vanno da un reparto all’altro, hanno le loro piccole abitudini, fanno la coda e passano in cassa, dove li conoscono e li guardano tutti. Guardano Marie-Pierre, soprattutto, che è bella, alta, e prima, si chiamava Jean-Pierre.

In questo spaccato di ordinaria quotidianità emerge il conflitto fra una figlia transessuale e suo padre. Un rapporto difficile e appassionato dal quale affiora il dolore comune per una doppia perdita: perdita del padre che in Marie-Pierre non riconosce e non accetta la nuova identità del suo unico figlio maschio Jean-Pierre e perdita di Marie-Pierre, privata per questo dell’amore di suo padre. "Marie Pierre – afferma Enzo Curcurù - sa bene di far male al padre presentandosi cosi com’è, ma non può farne a meno, si sfida continuamente nella continua ricerca di se stessa in uno zoppicante, disperato inseguimento verso lo sguardo di chi l’ha generata."

La scrittura commovente di Darley e la sensibile interpretazione di Curcurù, nel doppio ruolo del padre e della figlia, danno vita a una coppia di personaggi vividi: un padre imprigionato nella sua diffidenza e un figlio alla conquista della sua identità. "Marie Pierre – afferma Enzo Curcurù, protagonista dello spettacolo - sa di far male al padre presentandosi cosi com’è, ma non può farne a meno. Si sfida continuamente nella continua ricerca di se stessa, in un zoppicante, disperato inseguimento verso lo sguardo di chi l’ha generata."

“In questa pièce, - chiarisce la regista Raffaella Morelli - il tema della transessualità si pone, con tutta evidenza, come un pretesto per parlare, più in generale, della non-accettazione della diversità. Un confronto/scontro dove, malgrado tutto l’amore di una figlia (ex figlio), il padre non vuole e non può accettare una condizione umana troppo lontana dal suo modo di pensare e di vedere la vita.”

Informazioni e biglietteria: 0521/230242 - biglietteria@teatrodue.org

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • 'Vincent Van Gogh Multimedia & Friends': dal 31 gennaio al 26 aprile

    • dal 31 gennaio al 26 aprile 2020
    • Palazzo Dalla Rosa Prati
  • Parma 2020 in 48 ore: un itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura

    • dal 15 gennaio al 30 settembre 2020
    • Location varie
  • La musica che fa la storia: inizia la stagione al Campus Industry

    • dal 27 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Campus Industry Music
  • Sinéad O’Connor al Campus Industry di Parma

    • 18 gennaio 2020
    • Campus Industry Music
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento