Il martedì al Monoprix Teatro Due, 27 e 28 marzo‏

Acclamato nei Festival di Avignone e di Edimburgo, dopo il trionfo di Parigi, Roma e Milano arriva a Parma Il martedì al Monoprix, affascinante testo di Emmanuel Darley. La versione italiana, tradotta e adattata da Raffaella Morelli, che ne firma anche la regia, vede in scena Enzo Curcurù nei panni della transessuale Marie-Pierre, in scena a Teatro Due venerdì 27 e sabato 28 marzo alle ore 21.00.

Da qualche tempo, ogni martedì, Marie-Pierre e suo padre vanno al Monoprix. Fanno acquisti per la settimana, vanno da un reparto all’altro, hanno le loro piccole abitudini, fanno la coda e passano in cassa, dove li conoscono e li guardano tutti. Guardano Marie-Pierre, soprattutto, che è bella, alta, e prima, si chiamava Jean-Pierre.

In questo spaccato di ordinaria quotidianità emerge il conflitto fra una figlia transessuale e suo padre. Un rapporto difficile e appassionato dal quale affiora il dolore comune per una doppia perdita: perdita del padre che in Marie-Pierre non riconosce e non accetta la nuova identità del suo unico figlio maschio Jean-Pierre e perdita di Marie-Pierre, privata per questo dell’amore di suo padre. "Marie Pierre – afferma Enzo Curcurù - sa bene di far male al padre presentandosi cosi com’è, ma non può farne a meno, si sfida continuamente nella continua ricerca di se stessa in uno zoppicante, disperato inseguimento verso lo sguardo di chi l’ha generata."

La scrittura commovente di Darley e la sensibile interpretazione di Curcurù, nel doppio ruolo del padre e della figlia, danno vita a una coppia di personaggi vividi: un padre imprigionato nella sua diffidenza e un figlio alla conquista della sua identità. "Marie Pierre – afferma Enzo Curcurù, protagonista dello spettacolo - sa di far male al padre presentandosi cosi com’è, ma non può farne a meno. Si sfida continuamente nella continua ricerca di se stessa, in un zoppicante, disperato inseguimento verso lo sguardo di chi l’ha generata."

“In questa pièce, - chiarisce la regista Raffaella Morelli - il tema della transessualità si pone, con tutta evidenza, come un pretesto per parlare, più in generale, della non-accettazione della diversità. Un confronto/scontro dove, malgrado tutto l’amore di una figlia (ex figlio), il padre non vuole e non può accettare una condizione umana troppo lontana dal suo modo di pensare e di vedere la vita.”

Informazioni e biglietteria: 0521/230242 - biglietteria@teatrodue.org

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma 2020 in 48 ore: un itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura

    • dal 15 January al 30 September 2020
    • Location varie
  • Florilegium di Rebecca Louise Law a Parma2020 per Pharmacopea

    • Gratis
    • dal 29 February al 19 December 2020
    • Antica Farmacia S. Filippo Neri
  • Il Tempo della Scienza: la Citizen Science per scoprire la natura delle Aree Protette

    • dal 6 February al 18 October 2020
    • Location varie
  • Controtempi - dal 16 luglio al 3 settembre, sul palco anche fortis e giovanardi

    • Gratis
    • dal 16 July al 3 September 2020
    • Arena estiva Cinema D'Azeglio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ParmaToday è in caricamento