Traiettorie 2018 - concerto l'instant donné

Domenica 21 ottobre 2018
Sala dei Concerti della Casa della Musica di Parma, ore 20:30

L’Instant Donné

Programma della serata:

Claude Debussy (1862-1918)
"Syrinx" (1913)
per flauto solo

Claude Debussy
"En bateau" (1889)
trascrizione per flauto e arpa
da "Petite suite" per pianoforte a quattro mani

Igor Stravinskij (1882-1971)
"Tre pezzi" (1919)
per clarinetto solo

Claude Debussy
"Sonata n. 2 in fa maggiore" (1915)
per flauto, viola e arpa
- Pastorale
- Interlude
- Finale

Frédéric Pattar (1969)
"Lichtspiele Opus 1, 2 & 3" (2016-2017)
per flauto, clarinetto e arpa con animazione video di Walter Ruttmann (1887-1941)

Organico:

Mayu Sato, flauto
Mathieu Steffanus, clarinetto
Elsa Balas, viola
Esther Kubiez-Davoust, arpa

Domenica 21 ottobre, alle ore 20:30 alla Casa della Musica di Parma, Traiettorie ospiterà per la prima volta nella storia della rassegna di musica moderna e contemporanea l’ensemble L’Instant Donné, che si presenterà a Parma in formazione di quartetto (Mayu Sato, flauto; Mathieu Steffanus, clarinetto; Elsa Balas, viola; Esther Kubiez-Davoust, arpa).
Nato nel 2002 con sede dal 2005 a Montreuil, L’Instant Donné si propone come un esempio di gestione collegiale e democratica delle scelte artistiche e amministrative di un gruppo strumentale, e allo stesso tempo come uno degli ensemble più agguerriti sul repertorio francese e nella collaborazione con compositori francesi: dunque anche sul piano della creazione di molte prime assolute, attività che ha potenziato soprattutto dopo la partecipazione al Festival d’Automne di Parigi del 2007, e su quello discografico – ha appena pubblicato un cd con lavori di Gérard Pesson –.
Da questo punto di vista va intesa anche la scelta del programma per Traiettorie: Frédéric Pattar, Claude Debussy, Igor Stavinskij. Se Debussy è d’obbligo, Traiettorie quest’anno ne celebra il secolo dalla scomparsa e L’Instant Donné coglie l’occasione con dovizia, Pattar è il capo opposto di un percorso che lo stesso Debussy ha lanciato nel campo della musica come stimolo per esperienze visive e instabilità di percezioni: la stimolazione multisensoriale, l’ironia, il gioco delle sovrapposizioni prevale in Pattar a spese della scomposizione strutturale o timbrica, dunque ecco che «Lichtspiele» (2016-2017) dialoga con tre cortometraggi di Walter Ruttmann, uno dei maggiori registi dell’avanguardia tedesca fra le due guerre.
Quanto all’omaggio a Debussy, L’Instant Donné offre il proprio contributo con l’esecuzione della gustosa «Sonata» per flauto, arpa e viola del 1915, con il pezzo più flautistico di Debussy, «Syrinx», e con una trascrizione per pianoforte e arpa di «En bateau», primo pezzo della «Petite suite» del 1889.
Completano il programma i brevi e piacevoli «Tre pezzi» per clarinetto di Stravinskij.


Biglietteria
I biglietti saranno disponibili il giorno del concerto presso la reception della Casa della Musica (Piazzale S. Francesco 1, 43121 Parma) a partire dalle ore 19:30 e in prevendita su VIVATICKET (https://bit.ly/2Q0BLQC).

Costi dei biglietti
Intero: € 15
Ridotto generico: € 10 (over 65 e soci TCI)
Ridotto studenti: € 5 (studenti universitari e del Conservatorio)
Omaggio: under 18

Per informazioni
Fondazione Prometeo
tel. 0521 708899 – cell. 348 1410292
e-mail: info@fondazioneprometeo.org

Link utili
https://www.fondazioneprometeo.org
https://www.facebook.com/fprometeo.traiettorie
https://twitter.com/f_prometeo

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • 'Renato Brozzi e la scultura animalista italiana tra Otto e Novecento" al museo Renato Brozzi

    • dal 11 febbraio al 30 maggio 2021
    • Museo Renato Brozzi di Traversetolo
  • corso guide museo guatelli

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 9 marzo al 13 aprile 2021
    • Museo Guatelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ParmaToday è in caricamento