Traiettorie, concerto inaugurale Ensemble Prometeo

Venerdì 23 settembre 2016

Auditorium Paganini di Parma, ore 20:30

Ensemble Prometeo

con il supporto di SIAE / Progetto “SIAE – Classici di Oggi”

Programma della serata:

Salvatore Sciarrino (1947)

Codex purpureus (1983)

per violino, viola e violoncello

Claudio Ambrosini (1948)

Un altro insopportabile pezzo per flauto (2016)

per flauto

**Prima esecuzione assoluta – Commissione Traiettorie 2016

Igor Stravinskij (1882-1971)

Élégie (1944)

per viola

Michele dall’Ongaro (1957)

Mise en abyme (2007)

per flauto, clarinetto, violino, violoncello, pianoforte e percussioni

Olivier Messiaen (1908-1992)

III. Abîme des oiseaux

per clarinetto

da Quatuor pour la fin du Temps (1940-1941)

Claude Debussy (1862-1918)

X. La Cathédrale engloutie

per pianoforte

da Préludes, Premier Livre (1909-1910)

Gérard Grisey (1946-1998)

Talea (1985-1986)

per flauto, clarinetto, violino, violoncello e pianoforte

Organico:

Mario Caroli, flauto

Roberta Gottardi, clarinetto

Francesco D'Orazio, violino

Gabriele Croci, viola

Claude Hauri, violoncello

Ciro Longobardi, pianoforte

Simone Beneventi, percussioni

Filippo Perocco, direttore

Diretto da Filippo Perocco, Ensemble Prometeo apre i battenti di Traiettorie 2016, la rassegna internazionale di musica moderna e contemporanea che, ideata e diretta da Martino Traversa, nel 2015 ha celebrato i propri venticinque anni con un cartellone che ha riscosso grande successo di pubblico, a dimostrazione della sua ormai radicata e imprescindibile presenza nella realtà culturale di Parma e nel panorama musicale europeo.

Il 23 settembre 2016, alle ore 20:30, presso l’Auditorium Paganini di Parma, l’Ensemble Prometeo - costituito da alcuni dei maggiori strumentisti italiani dediti alla musica contemporanea - che da anni si affianca al lavoro di Fondazione Prometeo, organizzatrice della rassegna, inaugurerà Traiettorie 2016 con sette pezzi che segnano un particolarissimo percorso nella musica europea, il percorso di un suono che va inseguito e che trascina l’ascoltatore in dimensioni non necessariamente pacifiche.

Si comincia con «Codex purpureus» (1983), un trio per archi del periodo più visionario di Salvatore Sciarrino, nel quale il suono sussurrato, il suono che si perde nel silenzio, equivale alla sovrapposizione di reminiscenze metabolizzate, trasformate e, in fondo, anche sovrapposte a immagini mentali che lasciano qualcosa di loro pure nella musica. Nel programma sono incapsulati anche tre pezzi della prima metà del Novecento e due recentissimi. Anche qui si accentuano i contrasti: da un lato il respiro monumentale di «La Cathédrale engloutie», decimo del primo libro dei «Préludes» di Debussy per pianoforte (1909-1910) e l’esplorazione sul clarinetto di luci e ombre assolute di «Abîme des oiseaux» dal «Quatuor pour la fin du Temps» (1940-1941) di Messiaen; dall’altra il minimalismo e i giochi d’apparenze sonore di «Élégie» di Stravinskij, per viola sola. E ancora, da un lato «Mise en abyme» (2007) di Michele dall’Ongaro, basato sulla trasfigurazione formale ed espressiva di un piccolo frammento musicale schubertiano che emerge e si sommerge e cattura l’attenzione dell’ascoltatore fino a trascinarlo nel proprio vortice emotivo; dall’altra l’ancora più recente nuovo pezzo per flauto solo di Claudio Ambrosini, commissionato da Traiettorie 2016 e qui presentato in prima assoluta.

In chiusura, una delle pietre miliari della musica europea del secondo Novecento, vale a dire «Talea», quintetto del 1985-86 che segnò il distacco di Gérard Grisey dal movimento cosiddetto «spettrale» e il suo accesso ad un mondo musicale più instabile, discontinuo, nel quale gli opposti crescono e traboccano in una musica complessa e lacerante.

Ad Ensemble Prometeo toccherà anche il compito di chiudere Traiettorie 2016 dopo due mesi esatti, il 23 novembre, con un concerto di brani degli ultimi quindici anni, fra cui due prime assolute commissionate da Traiettorie, a suggellare un’edizione particolarmente ricca di musica, tredici serate, e più che mai rivolta alle novità, con quindici prime esecuzioni assolute di cui dodici su commissione della rassegna stessa.

Biglietteria

Biglietteria il giorno del concerto presso la biglietteria dell’Auditorium Paganini (Via Toscana, 5/A) a partire dalle ore 19:30, con possibilità di prenotazione telefonica ai recapiti della Fondazione Prometeo: i biglietti prenotati telefonicamente si potranno ritirare la sera stessa presentandosi con utile anticipo.

Fondazione Prometeo: tel. 0521 708899 - 348 1410292, e-mail: info@fondazioneprometeo.org

Costi dei biglietti

Intero: € 15

Ridotto generico: € 10 (over 60)

Ridotto studenti: € 5 (studenti universitari e del Conservatorio)

Omaggio: under 18 e titolari FP Card

Link utili

https://www.fondazioneprometeo.org https://www.facebook.com/traiettorieparma https://twitter.com/f_prometeo

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • 'Renato Brozzi e la scultura animalista italiana tra Otto e Novecento" al museo Renato Brozzi

    • dal 11 febbraio al 30 maggio 2021
    • Museo Renato Brozzi di Traversetolo
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ParmaToday è in caricamento