un po di sport: domenica 11 è il momento della "discesa del po"

Domenica 11 settembre gli argini del Po ospiteranno un’invasione pacifica di barche, canoe, biciclette e camminatori. Meta finale: Viadana, per festeggiare tutti insieme il Grande Fiume e la sua rinnovata vitalità!

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Un PO di Sport prosegue il suo viaggio: navigando, pagaiando, pedalando o anche camminando, perché sono davvero molti i modi per scoprire e valorizzare i luoghi lungo il Po. Da Polesine a Dosolo, tutti i paesi affacciati lungo il Grande Fiume si daranno appuntamento domenica 11 settembre a Viadana per festeggiare insieme.
La sesta edizione della "Discesa del Po", inserita come seconda tappa della manifestazione itinerante "Un PO di Sport", coinvolgerà due regioni, quattro province e 18 comuni. Le due manifestazioni sono unite dalla condivisione di visioni e obiettivi: riunire i Comuni rivieraschi per organizzare giornate di sensibilizzazione e valorizzare i luoghi del Grande Fiume, la sua flora e fauna spontanee, creando opportunità di sviluppo turistico nel pieno rispetto dell'ambiente, partendo dalle attività sportive all'aperto come attrazioni e momenti di aggregazione.

L'evento partirà via acqua alle 8.00 di domenica prossima da Polesine con la barca che sosterà alle 8.30 a Isola Pescaroli, si fermerà poi alle 9.00 a Stagno di Roccabianca, alle 9.15 a Torricella di Sissa Trecasali, alle 9.45 a Sacca di Colorno e alle 10.00 a Casalmaggiore, per arrivare quindi a Viadana a mezzogiorno.

Contemporaneamente, in bicicletta, si potrà partire da Sacca alle 9.45 e alle 11.00 da Mezzani. Meta finale per tutti è Viadana, presso il Ponte Vecchio, Ostello Bortolino, dove dalle 12.30 si potrà vivere una giornata all'aperto tra "River street food" con degustazione di prodotti tipici locali, musica e incontri dedicati all'ambiente.

Scopo primo dell'iniziativa è promuovere una giornata di interesse ed attenzione verso il Fiume, coinvolgendo i cittadini, il mondo dello sport e della cultura, creando le basi per una crescita della responsabilità ambientale e la diffusione di buone prassi ecologiche in difesa del Po e del territorio limitrofo.

Alle 14 si svolgerà una breve presentazione del progetto "Magana del Po" (la "magana" è un'imbarcazione che sino agli anni cinquanta solcava le acque del Po, trainata da cavalli) gestito da Legambiente, che coinvolge anche l'Università di Parma e consiste nel monitoraggio delle acque del fiume, con l'obiettivo finale di candidare l'area golenale tra le province di Cremona, Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Mantova come riserva Unesco. Alle 15 verrà poi presentato il volume "Una buona politica per riparare il mondo" a cura di Gianni Tamino e Mao Valpiana, dedicato ad Alex Langer, maestro dell'ecologismo italiano. I personaggi dello sport e della cultura che hanno scelto di essere presenti e portare la loro testimonianza sono davvero tanti, tra loro anche la medaglia d'oro olimpica di canottaggio Simone Raineri, il ciclista e mental coach Andrea Devicenzi, l'alpinista e fotografo Fausto De Stefani, il canoista e giornalista Valerio Gardoni e Gabriele Cagna.

Per la prenotazione delle imbarcazioni turistiche è possibile inviare una mail a persona.ambiente@libero.it indicando nome e cognome dei partecipanti e recapito telefonico, oppure telefonare al 340.0003867 o al 333.7622768

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento