visite ed esami diagnostici? diventano benefit con il welfare aziendale

Servizi per i dipendenti e vantaggi fiscali per l’azienda, e con le piattaforme online si può scegliere tra i servizi previsti dal proprio piano aziendale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il dentista, ma anche il pediatra o qualsiasi altro specialista, la palestra e perfino un calendario che programma le attività di prevenzione per i dipendenti dell’azienda: la crisi e l’incidenza delle spese sanitarie sul bilancio delle famiglie spingono la ricerca di formule innovative ed il welfare aziendale può costituire un’alternativa molto gradita, dal momento che include i servizi per il benessere del lavoratore e della sua famiglia e consente di creare un sistema di vantaggi fiscali per azienda e dipendente. Un modello che mette d’accordo tutti e che La Legge di stabilità 2017 ha rafforzato ampliando la soglia del premio di produttività convertibile in welfare e le categorie di lavoratori che ne possono usufruire. I servizi che rientrano nel piano di welfare aziendale possono quindi essere riferiti alla totalità dei dipendenti o destinati a specifiche categorie, secondo la politica aziendale, e per tali servizi è prevista una detassazione. Grazie alla Rete, inoltre, usufruire di questi benefit è semplice e vantaggioso: «La nostra piattaforma online Welfarebox consente di gestire in autonomia il proprio piano di welfare aziendale - spiega Francesco Ruffolo, fondatore e Ceo di Medicalbox, piattaforma di prenotazioni medico-sanitarie online - sia per quanto concerne le prestazioni mediche, facendo riferimento alla nostra ampia offerta di centri, sia per ulteriori convenzioni che l’azienda prevede all’interno del suo piano welfare». «La piattaforma - prosegue Francesco Ruffolo - mediante homepage dedicate permette sia all’azienda che al dipendente di accedere ai servizi previsti: le aziende potranno quindi gestire in modo pratico il “Welfare Budget” ed i dipendenti selezionare il servizio che preferiscono, oltre che controllare in tempo reale il Welfare Budget residuo». I servizi a disposizione di aziende e dipendenti possono essere scelti nell’ambito di un budget stabilito, e sono modulabili in base alle proprie esigenze: «tramite le nostre piattaforme online l’azienda può includere nel proprio piano welfare, oltre alle visite mediche specialistiche, anche i servizi di Second Opinion Medical (secondopinionmedical.it), per il secondo consulto medico, predisporre la creazione di un presidio sanitario interno all’azienda ed affidarci la gestione di un “calendario della salute” per la prevenzione ed i controlli medici periodici dei dipendenti». «Un sistema a beneficio non soltanto dei dipendenti dell’azienda che sceglie di adottare il welfare quale benefit aziendale - conclude il Ceo di Medicalbox -, ma anche dei familiari che ne possono usufruire, dove previsto, secondo l’articolo 12 del Tuir (Testo unico delle imposte sui redditi): coniuge, figli, genitori o ascendenti, adottanti, generi e nuore, suoceri, fratelli e sorelle...».

Torna su
ParmaToday è in caricamento