amo colorno interviene sugli argini

Intervenire rapidamente sulla pericolosità degli argini.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

A seguito delle dichiarazioni di alcuni esponenti di maggioranza, espresse durante il consiglio comunale del 26 marzo, Amo Colorno ritiene doveroso ed importante esprimersi in merito alla necessità di porre in sicurezza alcune aree degli Argini Colornesi. Alla richiesta di apporre dei guard rail a ridosso delle curve più pericolose degli argini, è stato risposto che il comune di Colorno, dopo aver effettuato in passato un censimento delle aree più a rischio, ha provveduto a metterne in sicurezza solo alcune, a causa di mancanza di disponibilità economiche, e che ad oggi non dispone di sufficienti risorse per intervenire. La sicurezza dei cittadini ed in particolare dei residenti a ridosso degli argini, non può e non deve essere in alcun modo trascurata. A tal proposito siamo a proporre delle soluzioni. Prima di tutto si potrebbero installare a ridosso delle curve più pericolose presenti sugli argini, dei cartelli solari luminosi, atti a segnalarle per tempo ed in anticipo anche in condizioni di scarsa visibilità. L’installazione dei guard rail, potrebbe essere fatta solo in alcuni tratti degli argini, e proprio a ridosso delle curve più pericolose. Ci sono diversi argini che mostrano pericolosità, tipo quello di Copermio Est, proprio a nella zona a ridosso del passaggio a livello per esempio. Per realizzare questi lavori si potrebbe chiedere l’aiuto di sponsor (aziende locali), che finanzierebbero dei lavori con delle donazioni. In cambio delle stesse verrebbe apposta una targa di ringraziamento con il “logo” del donatore. Altro problema da considerare è quello del manto stradale, che sugli argini è spesso compromesso da buche e avvallamenti. Gli argini vanno tenuti necessariamente sempre in ordine anche per limare rischi di piena. La sicurezza dei cittadini è un diritto, e prendersi più cura degli argini servirebbe ad evitare incidenti spesso mortali che su essi si verificano. Nicola Scillitani Coordinatore cittadino AMO COLORNO

Torna su
ParmaToday è in caricamento