Green

Bonifica Parmense, nuove forze per rispondere alle crescenti esigenze dei territori

Ingegneri idrici e ambientali, operai manutentori, esperti elettricisti: dieci le unità assunte dall’ente nel segno di un ulteriore innalzamento di qualità dell’operato svolto

Rispondere al meglio alle esigenze di un territorio che deve essere costantemente monitorato e alle richieste di chi vi abita, lavora e vive, di chi crede nel lavoro e nei servizi del Consorzio: con questi obiettivi la Bonifica Parmense presenta i suoi nuovi dipendenti, 10 nuove forze che consentiranno all’ente un ulteriore innalzamento qualitativo dell’operato consortile. Alla Casa dell’Acqua, sede consortile, a dare il benvenuto ai neo-dipendenti sono il presidente Luigi Spinazzi, il direttore Fabrizio Useri e i membri del Comitato dell’ente: i vicepresidenti Giacomo Barbuti e Giovanni Grasselli; i consiglieri di Giunta Giovanni Maffei e Marco Tamani, il membro del Collegio sindacale Silvano Mantovani e la dirigente amministrativa Gabriella Olari.

Diverse le competenze e gli ambiti d’azione delle nuove risorse: qualificati ingegneri idrici e ambientali, abili operai manutentori, esperti elettricisti ed impiantisti i neo-assunti – la cui età oscilla tra i 35 e i 40 anni – saranno dislocati in differenti punti dei comprensori: pianura, territorio Enza/Parma, territorio Parma/Taro, territorio Stirone/Ongina, territorio destra Stirone. Questo perché la mission e l’attività della Bonifica Parmense – ente al servizio di ben 170.000 consorziati – si fondano sui capisaldi di prevenzione, protezione, irrigazione e progettazione nei comprensori del Parmense, snodandosi lungo 330.000 ettari di territorio: due terzi appartenenti alla fascia collinare e montana, dove il Consorzio effettua il monitoraggio, la progettazione e la realizzazione di opere volte alla prevenzione e al contenimento delle criticità idrogeologiche (dissesto, erosioni, movimenti franosi, smottamenti) assicurando il corretto regime idraulico e la manutenzione e gestione delle opere di bonifica di carattere infrastrutturale (viabilità minore, acquedottistica rurale) grazie a progetti innovativi e di lungo corso come “S.O.S. Bonifica” oppure “Difesa Attiva Appennino”. In pianura invece l’ente si occupa dello scolo delle acque meteoriche attraverso la rete di canalizzazione consortile e gli impianti idrovori, oltre alla difesa delle acque di monte e/o esterne alfine di proteggere il territorio da possibili esondazioni. Anche qui si guarda al futuro, con il laboratorio itinerante “Bonifica Parmense LAB” che è in grado di prelevare campioni di risorsa idrica in tempo reale dai canali per sottoporli ad un’analisi qualora si presentasse la necessità.

“Rispondere alle aspettative delle amministrazioni comunali e dei cittadini consorziati con spirito di gruppo e sempre maggior efficacia e tempestività è la nostra volontà – dichiara il presidente Luigi Spinazzi – . Siamo lieti dell’epilogo di questo lungo iter, segno di un Consorzio sempre più coeso e in salute. 

“Un’ente che assume offre sempre un messaggio positivo perché opera e lavora sulle basi della cosciente responsabilità, del forte senso di appartenenza e della costante motivazione – conclude il direttore Fabrizio Useri – . E soprattutto di quella sana meritocrazia che consente di dare il meglio con ottime ripercussioni su ogni intervento effettuato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonifica Parmense, nuove forze per rispondere alle crescenti esigenze dei territori

ParmaToday è in caricamento