rotate-mobile
Green Sala Baganza

Casino dei Boschi di Carrega, successo per il workshop/cantiere di Manifattura Urbana

E' terminato il workshop/cantiere che si è svolto dal 21 al 25 Settembre presso il Parco Naturale Regionale dei Boschi di Carrega a Sala Baganza: applausi di ringraziamento ai ragazzi per la piccola, ma importante, riqualificazione

Pareri positivi riscossi all’unanimità e sinceri applausi di ringraziamento ai ragazzi hanno scandito la chiusura di “Restauro del Casino dei Boschi di Carrega”, workshop/cantiere che si è svolto dal 21 al 25 Settembre presso il Parco Naturale Regionale dei Boschi di Carrega a Sala Baganza (Parma), un sito dalla straordinaria importanza storica e culturale. All’evento, promosso dall'Ente Parchi dell'Emilia Occidentale e dal Comune di Sala Baganza ed organizzato dalle associazioni culturali "Manifattura Urbana" e "Amici del Parco e del Casino dei Boschi di Carrega", hanno partecipato 50 studenti provenienti dalle facoltà universitarie di tutta Italia.

Sotto gli occhi di tutti l’operato pratico dei ragazzi che, guidati da docenti e tutor di Manifattura Urbana, hanno apportato una piccola, ma importante riqualificazione grazie alle tecniche di restauro e recupero sapientemente applicate. La differenza tra lo status antecedente gli interventi e la situazione posteriore al workshop è ben visibile ad esempio nell’intervento sulla manica del colonnato di proprietà pubblica che si estende verso nord e i cui lavori hanno interessato entrambi i fronti, sia est che ovest, oltre all’interno di quei volumi in condizioni di praticabilità e in sicurezza. Le opere svolte internamente non si sono limitate alla pulizia e sgombero dei locali dalle macerie e da materiali impropri: oltre a ciò sono stati effettuati saggi sulle strutture e messi in rilievo ed evidenziate parti costruttive del fabbricato reputate importanti per la conoscenza delle tecniche e per la consapevolezza tecnologica espressa nella costruzione di origine; tali indagini e saggi hanno consentito di comprendere lo stato di degrado strutturale per introdurre una prima valutazione, in linea generale, delle opere necessarie ad un intervento di recupero/restauro più approfondito: alcuni locali, verificate le condizioni del manto e della struttura di copertura che – si è appurato – non necessiterebbero di operazioni dalla particolare complessità, potrebbero essere recuperati per un loro utilizzo.

Eseguiti inoltre lavori di pulizia delle ghiacciaie tanto da renderle fruibili: la più grande (situata vicino alla casa di pietra) dopo il lavoro di sgombero da macerie e detriti che la rendeva inaccessibile, è ora ispezionabile e si può pensare ad un suo possibile adeguamento inserendola in un progetto complessivo di fruizione anche di questi suggestivi ambienti. Altri interventi esterni sono stati poi effettuati sulle essenze infestanti a ridosso del fabbricato di fronte ovest, così come la pulizia dei percorsi da erbe infestanti a fronte del porticato e la pulizia da erbe infestanti di alcuni spazi attorno alla casa di pietra al fine di consentirne l’accesso. Persino il forno è stato ripulito da infestanti e sono stati effettuati alcuni smontaggi di murature pericolanti. Conclusioni ed esiti di questa intensa cinque-giorni di lavori sono stati presentati e dibattuti alla Rocca Sanvitale di Sala Baganza, in occasione della tavola rotonda “Il Casino e il Parco dei Boschi di Carrega: 'Quale futuro?' il cui titolo prelude ad un possibile punto di partenza per enti ed istituzioni di competenza, oltre che per gli esperti nel campo dell’Architettura e del Restauro, in quella che si auspica come una nuova sinergia strategica per il recupero ed il rilancio di un complesso monumentale e di un’area di interesse fondamentale sia per il territorio parmense che per la sua collettività.

L’apertura della tavola rotonda è stata affidata alle parole del Presidente dell’Ente Parchi Emilia Occidentale Agostino Maggiali, che ha tracciato con grande soddisfazione un bilancio più che mai roseo dell’iniziativa, ponendo già le basi per un nuovo workshop in primavera e indicando il Parco dei Cento Laghi come plausibile location. "Un’esperienza assolutamente positiva che è nostra intenzione ripetere poiché ci ha permesso di comprendere e penetrare la cultura dei nostri giovani –  ha osservato Maggiali – . Siamo consci che è necessario unire le forze e come Ente Parchi stiamo lavorando su ben quattro progetti europei, concentrandoci sulla nostra mission di conservazione e tutela del territorio unita allo sviluppo e alla valorizzazione del settore agroalimentare". 

"È nei nostri progetti futuri tornare qui molto presto con una nuova offerta formativa che verta sulla possibilità di effettuare proposte progettuali – ha dichiarato Francesco Fulvi, Presidente di Manifattura Urbana – . Nell’attesa ringraziamo l’Ente Parchi del Ducato per la possibilità e la fiducia concesse, l’associazione “Amici del Casino e dei Boschi di Carrega” per la fondamentale collaborazione ed il grande supporto prestati e gli abitanti di Sala Baganza per averci cordialmente ospitato".

Parere positivo anche nelle parole di Norberto Vignali, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Sala Baganza, che ha ringraziato studenti, associazioni ed enti per l’impegno profuso; e in quelle del Presidente dell’Associazione "Amici del Parco e del Casino dei Boschi di Carrega" Paolo Bussi, che ha espresso l’intento di voler coinvolgere i comuni di Sala Baganza, Parma e Collecchio in vista delle celebrazioni per il bicentenario dell’arrivo di Maria Luigia a Parma (18 Aprile 1816). Significativa conferma di gradimento è giunta inoltre dall'On. Giuseppe Romanini, Componente della Commissione Parlamentare Cultura, che è intervenuto per un breve saluto prima dell’inizio della conferenza complimentandosi per la buona riuscita dell’iniziativa insieme al sindaco di Sala Baganza Cristina Merusi.

È poi toccato a Roberto Bruni, Coordinatore Scientifico del Workshop/Cantiere e moderatore della tavola rotonda, avanzare la proposta di nuove capillari sinergie tra enti, istituzioni ed esperti che portino ad un rilancio del Casino de’ Boschi di Carrega. "La memoria di questi luoghi passa attraverso la costruzione di un nuovo e differente rapporto con le istituzioni e di un coordinamento non slegato da iniziative future, mettendo in rete tutte le conoscenze", ha auspicato Bruni. 

Successivamente la serata è proseguita con gli interventi di due illustri ospiti: l’architetto Umberto Rovaldi, paesaggista della mobilità dolce; e il prof. Marco Cillis, docente di Architettura del paesaggio all'Università degli Studi di Parma. "Adesso ci aspettano numerosi impegni: giovedì 1° ottobre saremo nella sede piacentina del Politecnico di Milano per presentare l’intervento “Il Workshop/Cantiere come Innesco per la rigenerazione urbana” al convegno nazionale “Ambiente: struttura e risorsa – Aspetti contemporanei e prospettiva storica” – ha infine chiuso Fulvi – . Nel frattempo stiamo preparando la nostra prossima offerta formativa sul rilievo e la diagnostica che si svolgerà nel paese di Berceto dal 13 al 16 ottobre. Infine c’è la sfida del Modulo ECO, un piccolo padiglione di circa 60 metri quadrati che sarà costruito con criteri ecosostenibili e sorgerà da novembre a natale per ospitare lo Sportello Energia del Comune di Parma, oltre a rappresentare un presidio anti-degrado ed un esempio di impegno civico e di cittadinanza a disposizione di associazioni, università, studenti, ordini professionali e aziende".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casino dei Boschi di Carrega, successo per il workshop/cantiere di Manifattura Urbana

ParmaToday è in caricamento