Parma premiato come primo capoluogo “Riciclone” d’Italia

Meno di 145 kg pro capite smaltiti dai cittadini di Parma: un dato che non impedisce ad Iren di chiedere l'ampliamento dell'inceneritore. L'11 luglio anche Legambiente in piazza contro l'art 35 dello Sblocca Italia, per chiedere il ritiro della richiesta di ampliamento del forno di Parma

Premiati oggi a Roma i Comuni Ricicloni d’Italia. Tra le tante amministrazioni virtuose spicca il dato di Parma, che nel giro di 2 anni ha saputo non solo incrementare la differenziata, ma anche ridurre la produzione pro capite del 9%; E’ il primo Comune con 200 mila abitanti ad aver superato il 65% di differenziata, smaltendo solo 143 kg/ab/anno contro una media regionale di poco meno di 350 kg/ab/anno: un esempio per tutte le città capoluogo.

Un dato questo, che dimostra la bontà della scelta del porta a porta integrale su tutto il territorio del Comune, che ha visto anche nelle scorse settimane l’attivazione della tariffa puntuale. Un sistema che consente, seppur in maniera ancora limitata, di far risparmiare chi produce meno rifiuti.
Un dato quello di Parma, che fa risaltare l’assurda richiesta di Iren, a seguito dell’approvazione dell’articolo 35 dello Sblocca Italia, di ampliare la capacità di bruciare rifiuti del nuovo inceneritore della città. Confrontando i dati di produzione di rifiuto indifferenziato di Parma e Provincia con la richiesta di ampliamento del forno, è evidente che la strada intrapresa da Iren sia quella del business dei rifuti, e non dell’impiantistica necessaria all’autosufficienza territoriale.

Per questo Legambiente sarà in piazza l’11 giugno, con la richiesta di stop all’ampliamento del forno di Parma. Una volontà che non si limita a chiedere lo stop all’ampliamento del forno di Parma, ma estende la richiesta anche a quello di Forlì, gestito da Hera. Una posizione ferma contro l’articolo 35 dello Sblocca Italia, che le multiutility nostrane stanno utilizzando per fare affari sulla testa di cittadini ed amministrazioni, infischiandosene della tutela dell’ambiente.

L’atteggiamento delle grandi multi utility regionali dimostra ancora una volta l’assenza di un vero controllo pubblico su queste società partecipate, impegnate ormai esclusivamente nella ricerca di utili. Legambiente ribadisce la necessità di una forte presa di posizione della politica regionale, che riporti queste aziende nell’alveo del controllo pubblico.

IL POST DI PIZZAROTTI - "Ora è ufficiale, ‪#‎Parma‬ è la prima città italiana di 200 mila abitanti ad aver superato il 65% di raccolta differenziata. Questa mattina a Roma io e l'assessore Folli, abbiamo ritirato il premio Anci comuni ricicloni assegnato da Legambiente. Questo primato è una vittoria dei parmigiani. C'è ancora lavoro da fare per migliorare il servizio, tra poco entreranno in funzione le eco stazioni, per permettere di conferire i rifiuti per particolari esigenze (ferie, orari difficili o altre esigenze). Ma soprattutto uno scacco a tutti gli inceneritori d’Italia: una via ambientalista e al servizio dei cittadini è possibile, lo abbiamo dimostrato oggi contro tutto e tutti. Condividetelo e fatelo sapere, la manifestazione dell’11 luglio è diventata ora una data più che mai fondamentale: no all’articolo 35 dello Sblocca Italia che liberalizza lo smaltimento dei rifiuti. No agli inceneritori ‪#‎AttiConcretiParma" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Bimba di sei anni muore per meningite

Torna su
ParmaToday è in caricamento