menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consorzio Bonifica, inaugurato l'impianto di Cantonale: Comuni della Bassa più sicuro

Polesine, Zibello, Busseto, Soragna e Fidenza più sicuri grazie al nuovo impianto di Cantonale inaugurato oggi dal Consorzio di Bonifica Parmense. Il Ministro Galletti: "Il nostro compito è trovare le risorse, spetta poi a Regioni e Comuni impegnarle bene e velocemente"

Grazie alla nuova e moderna opera idraulica del Consorzio di Bonifica Parmense e della Regione Emilia Romagna per un’area molto estesa della Bassa di quasi 11.000 ettari si riduce notevolmente il rischio di esondazione durante i periodi di piena. Il Ministro Galletti: “Il nostro compito è trovare le risorse, spetta poi a Regioni e Comuni impegnarle bene e velocemente”
 
Un vasto territorio di quasi 11mila ettari di estensione compreso nei comuni di Polesine, Zibello, Busseto, Soragna e Fidenza, costantemente minacciato dal pericolo delle esondazioni che nel recente passato hanno messo in scacco l’intero territorio provocando ingenti danni economici ad imprese agricole e colture, viene messo in sicurezza idraulica grazie all’azione concreta del Consorzio di Bonifica Parmense.
 
Dopo aver monitorato coi suoi tecnici le cause reali alla base dei possibili fenomeni alluvionali nella zona, la Bonifica ha sollecitato e ottenuto un progetto di lungo periodo in grado di offrire alle popolazioni del luogo un impianto idraulico di avanzata tecnologia che provvedere in modo esaustivo alla prevenzione generale del fenomeno, allontanando così i pericoli conseguenti.
 
L’impianto idrovoro del Cantonale fu costruito infatti già alla metà degli anni ’50 grazie ad un finanziamento del Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste per svolgere l’importante ruolo di “sollevamento” delle acque medie e basse provenienti dalle aree a sud-ovest nelcanale Fossa Parmigiana. Pur mantenendo un ruolo strategico fondamentale l’impianto di Cantonale a seguito di una progressiva urbanizzazione del territorio che ha limitato la sua efficacia aveva estrema necessità di essere ampliato nella struttura, nelle funzioni di capacità e migliorato sotto l’aspetto dell’ammodernato tecnologico.
 
Vista questa esigenza impellente il Consorzio della Bonifica Parmense, grazie anche alla collaborazione fattiva della Regione Emilia Romagna che ha finanziato una parte rilevante del progetto (580mila euro), ha iniziato nei mesi scorsi una totale ed estesa revisione dell’intero impianto provvedendo prima alla redazione del progetto ingegneristico e successivamente seguendo direttamente l’esecuzione dei numerosi lavori svolti sul territorio per l’adeguamento: sono stati “rafforzati” gli argini di difesa dei canali affluenti all’impianto Lavadura Inferiore, Lavezzoli e Dossi, Prati di Frescarolo e Bardalenzo per un importo complessivo di oltre 400mila euro; inoltre stato completamente ricostruito il “sifone” a servizio dei canali Pascoletto e Acque Basse di Samboseto per  permettere il passaggio dell’enorme volume di acqua al di sotto dell’alveo del canale Rigosa Nuova.
 
In più, al fine di ottimizzare ulteriormente la funzionalità stessa del nodo idraulico e ridurne drasticamente il rischio nelle aree situate a quote altimetriche più basse, la Bonifica Parmense ha ultimato un intervento mirato raddoppia l’attuale capacità di sollevamento del Cantonale: da circa 1500 litri al secondo ad oltre 3000 l/s mediante l’installazione di due moderne elettropompeinvestendo solo per queste oltre 600mila euro.
 
“La scelta è quella di lavorare sempre più sulla prevenzione e sempre meno sull’emergenza e opere come questa e altre in Emilia-Romagna lo dimostrano ampiamente – ha dichiarato il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – ma non dobbiamo abbassare la guardia, perché è importante realizzare lavori che mettano in sicurezza il territorio permettendo maggiori certezze all’occupazione, all’agricoltura e allo sviluppo. Per fare ciò è indispensabile passare nel più breve tempo possibile dallo stanziamento alla concreta realizzazione di un’opera: il nostro compito è trovare le risorse, spetta poi a Regioni e Comuni impegnarle bene e velocemente”.
 
“In un area in cui la popolazione ha più volte sofferto gravi eventi alluvionali patendo danni e disagi – ha rimarcato il Direttore del Consorzio Meuccio Berselli – oggi, con questo intervento, la Bonifica ha messo in sicurezza un’area occupata da quasi 25mila abitanti portando un valore aggiunto economico ad industrie, aziende agricole privati cittadini”.

 
Il presidente Luigi Spinazzi ringrazia la Regione Emilia Romagna per l’attenzione dimostrata, la professionalità delle imprese esecutrici e la competenza del personale interno che è riuscito in tempo utile a terminare un progetto di alto valore sociale ed economico in tempo di crisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento