Consorzi di Bonifica: l'Emilia-Romagna citata come esempio nazionale

I Consorzi di bonifica dell’Emilia Romagna, rappresentati a Roma alla Conferenza Nazionale dell’ANBI sulla risorsa Acque Irrigue da URBER, traggono un bilancio più che positivo sulle riforme attuate alcuni anni fa e che ora stanno regalando risultati più che concreti

Il presidente Massimo Pederzoli

Citati più volte dai presenti come esempio virtuoso e come modello concreto da seguire per un possibile riordino organizzativo nazionale che tenga conto di efficienza e innovazione comprensiva di una razionalizzazione della macchina organizzativa, i Consorzi di bonifica dell’Emilia Romagna, (rappresentati a Roma alla Conferenza Nazionale dell’ANBI sulla risorsa Acque Irrigue da URBER), traggono un bilancio più che positivo sulle riforme attuate alcuni anni fa e che ora stanno regalando risultati più che concreti alla luce delle necessità strategiche da mettere in campo in termini di irrigazione e difesa del suolo.

A più riprese, nel corso della due-giorni di approfondimento che ha visto tra i relatori anche il Ministro Maurizio Martina, il parlamentare europeo Paolo De Castro e i presidenti delle associazioni  agricole Moncalvo (Coldiretti), Guidi (Confagricoltura) e Scannavino (CIA), l’Emilia Romagna è  stata coinvolta e citata per le pratiche messe in campo a salvaguardia di un territorio minacciato costantemente dal dissesto idrogeologico e per una collaudata forma operativa di risparmio idrico a sostegno di una agricoltura trainante per l’economia del paese e del suo export.

Il Consorzio di bonifica, la cui funzione è stata evidenziata come imprescindibile, anche da rappresentanti del Governo intervenuti (D’Angelis, Castiglione) e dal Presidente Emerito della Corte Costituzionale Cesare Mirabelli, devono svolgere una funzione strategica e moderna diventando sempre più “protagonisti attivi” del territorio facendosi carico di scelte innovative nel principio della sussidiarietà che favoriscano al contempo anche ricadute economiche di prospettiva nelle zone in cui insistono. Un territorio che purtroppo fa conti assai salati con un consumo spesso eccessivo di suolo agricolo (70ha/gg) e con un lento e progressivo dissesto montano che mette a repentaglio sia il lavoro delle imprese che la sicurezza delle comunità.

A rappresentare l’URBER a Roma il presidente Massimiliano Pederzoli, il coordinatore Sangiorgi e tutti i presidenti dei singoli Consorzi con al seguito esperti consortili dei diversi settori. Degna di nota anche la relazione su Irriframe sul risparmio idrico del direttore del Canale Emiliano Romagnolo Paolo Mannini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Incidente sull'Asolana: moto contro un'auto, muore 50enne motociclista

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento