mobilità

Città sostenbili, Parma al 4° posto. Pizzarotti: "Car Sharing contro l'inquinamento"

Secondo la graduatoria delle città sostenibili stilata da Euromobility Parma si piazza al quarto posto. Il sindaco: 'Con il Car Sharing si abbattono le polveri sottili, risparmio di 16 tonnellate di Co2 all’anno"

Secondo la graduatoria delle città sostenibili stilata da Euromobility Parma si piazza al quarto posto. Davanti a noi solo da Venezia, Bologna e Torino. Uno degli indicatori presi in considerazione per stilare la classifica è il Car Sharing. 

"Il servizio Car Sharing -ricorda in una nota il Comume di Parma- gestito da Infomobility per il Comune di Parma, è una valida alternativa all’auto di proprietà. E’ in leggero aumento il numero degli iscritti, 332 (l’anno scorso 322): 49% sono uomini, il 42% donne e il 9% aziende. L’aspetto economico, decisamente conveniente soprattutto per chi percorre meno di 10.000 km all’anno, va di pari passo con quello ambientale: “Il car sharing è una alternativa efficace al trasporto privato, sia economicamente che in tema di impatto ambientale – dichiara il Sindaco Federico Pizzarotti - perché in grado di abbattere considerevolmente la quantità di polveri sottili emesse quotidianamente. Parliamo di un risparmio di 16 tonnellate di Co2 all’anno. Oggigiorno è diventata una politica più che mai necessaria per la qualità della nostra vita. Su questo aspetto Parma e i parmigiani si stanno dimostrando molto più avanti rispetto ad altre realtà emilianeL’utilizzo del car sharing non rappresenta più solo un vantaggio in termini economici, ma anche una forte contromisura al perdurare dell’inquinamento”.

L’Assessore alla viabilità e ambiente del Comune di Parma Gabriele Folli ribadisce l’intento dell’Amministrazione di potenziare il più possibile la mobilità alternativa al mezzo privato, ed il car sharing rappresenta senz’altro un’ottima opzione: “ Il risparmio è particolarmente significativo per chi percorre meno di 10mila chilometri l’anno e il dato relativo alle emissioni di Co2 è sorprendente, quindi chi usa il car sharing entra di fatto nella categoria dei comportamenti virtuosi ed ecosostenibili. Da non sottovalutare, poi, gli incentivi rottamazione, validi ancora per pochi mesi. Chi rottama la vecchia auto può avere l’ iscrizione gratuita per il primo anno e scontata del 50% per il secondo anno più un bonus di € 600,00 di utilizzo kilometrico da realizzare entro 2 anni.” Per accedere all'incentivo, la rottamazione deve essere stata effettuata negli ultimi 24 mesi prima della presentazione della richiesta presso gli uffici di Infomobility. Il cliente avrà 6 mesi di tempo rper attivare l'abbonamento a partire dalla data di approvazione della domanda di incentivo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città sostenbili, Parma al 4° posto. Pizzarotti: "Car Sharing contro l'inquinamento"

ParmaToday è in caricamento