Venerdì, 30 Luglio 2021
Green

NoCargo Parma: "Al Verdi manca la zonizzazione acustica"

"Una delle principali fonti di inquinamento causate dagli aerei è il rumore che producono durante le operazioni di volo"

Continua l’impegno dell’Associazione di promozione sociale Nocargoparma a tutela della salute e della sicurezza dei cittadini di Parma. 

L’ultima azione è stata la presentazione di un esposto alla Procura della Repubblica per denunciare la mancanza della “zonizzazione acustica” dell’Aeroporto Verdi.

"Una delle principali fonti di inquinamento causate dagli aerei è il rumore che producono durante le operazioni di volo (decollo e atterraggio). L'entità e la distribuzione del rumore generato dagli aerei nelle aree circostanti gli aeroporti dipende da diversi fattori tra cui la rete di rotte di ingresso ed uscita che servono uno specifico aeroporto, le direzioni della pista utilizzate per il decollo, i tipi di aeromobile che operano.  Nel lontano 1997, un decreto del Ministero dell'Ambiente ha incaricato l'ENAC (Ente Nazionale per L’Aviazione Civile) di istituire le Commissioni Aeroportuali per il Rumore, il cui compito è la definizione della Zonizzazione Acustica Aeroportuale".

"Questa Commissione - si legge nel comunicato - ha il compito, misurato il rumore prodotto dagli aerei attorno all’aeroporto, di identificare delle aree (definite Zona A, B e C) in cui, a tutela delle persone, per esempio per la Zona B sono consentite SOLO attività agricole, industriali, terziario e NON civili abitazioni! Le autorità comunali sono responsabili del contenimento dell'attività urbanistica in queste aree circostanti l'aeroporto.: il numero di persone interessate dal disturbo del rumore è determinato anche dalle deliberazioni e dalle modalità di controllo delle amministrazioni competenti, responsabili dello sviluppo industriale, commerciale e residenziale.

L’Aeroporto di Parma questa Commissione per il rumore non ce l’ha e nessuno degli Enti deputati a farne parte -Regione, Provincia e Comuni interessati, ARPA- sembrerebbe aver mai protestato, anzi Comune di Parma e Regione Emilia Romagna hanno deliberato cospicui finanziamenti per lo sviluppo a terminal Cargo dell’aeroporto di Parma. I Comuni hanno, pertanto, continuato ad autorizzare interventi edilizi senza adeguare i loro strumenti urbanistici ai risultati di questa Zonizzazione Acustica Aeroportuale. La domanda sorge spontanea: sono state costruite/ristrutturate, recuperate case dove non si si sarebbe potuto?

Non sono state nemmeno garantite ai cittadini le informazioni necessarie per acquistare o costruire la propria abitazione consci delle problematiche ai cui sarebbero incappati, si perché come detto all’inizio il rumore dipende dalle rotte di volo che gli aerei devono tenere e la pista di Parma essendo posizionata perpendicolarmente alle rotte prevede che ogni aereo che decolla o atterra su Baganzola passi o torni indietro sorvolando la città!".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

NoCargo Parma: "Al Verdi manca la zonizzazione acustica"

ParmaToday è in caricamento