Ranieri: "Scongiurare i dazi di Trump sul Parmigiano-Reggiano"

Il consigliere chiede alla Giunta "di far valere, in tutte le sedi istituzionali, il fatto che sia inaccettabile che venga così duramente colpito il valore di un prodotto d'eccellenza del territorio regionale"

Il parmigiano-reggiano potrebbe essere colpito dai dazi annunciati dal presidente Donald Trump in ingresso negli USA per alcuni prodotti provenienti dall'Unione europea. Per questo il consigliere della Lega Fabio Rainieri chiede alla Giunta, con una interrogazione, "come intenda scongiurare questa misura protezionistica" e se non ritenga "di far valere, in tutte le sedi istituzionali, comprese quelle europee, il fatto che sia inaccettabile che l'economia di un determinato territorio sia colpita duramente attraverso misure che diminuiscono il valore di mercato di un suo fondamentale prodotto artigianale d'eccellenza".

Si tratterebbe di dazi cosiddetti 'a carosello' che si applicherebbero a rotazione per alcuni mesi al 100%, facendo aumentare notevolmente i prezzi dei prodotti cui sono applicati. I dazi sul parmigiano-reggiano, pari al valore di mercato del prodotto, comporterebbe un aumento della tassazione di esportazione sul mercato statunitense da 2,15 a 15 dollari al chilo, con una stima dell'aumento complessivo del prezzo da 40 a 60 dollari al chilo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento