menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"I rifiuti? Non esistono": incontro all'Infromagiovani con Marco Boschini e Ezio Orzes

Ad ospitare l’incontro sarà appunto l’Informagiovani di Parma, gestito dal Gruppo COLSER-Auroradomus, che ancora una volta si mette a disposizione della città per ospitare iniziative di carattere culturale dimostrando la propria vocazione all’offerta di opportunità di incontro

Più si ricicla, meno si producono rifiuti. E funziona meglio se a gestire il tutto è un ente pubblico. Piccole, grandi verità che Marco Boschini e Ezio Orzes, esponenti dell’Associazione dei Comuni virtuosi, svelano nel loro nuovo libro I rifiuti? Non esistono! Due o tre cose da sapere sulla loro (Editrice Missionaria Italiana). Il libro sarà presentato venerdì 5 dicembre presso l’Informagiovani di Parma in Strada Melloni 1/B, alla presenza di uno degli autori, Marco Boschini, che dialogherà sulle buone pratiche locali e sulla strategia nazionale della gestione dei rifiuti con: Gabriele Folli, Assessore all’Ambiente di Parma, Barbara Lori, neo-consigliere regionale, e il deputato Pippo Civati. Qual’è il segreto per trattare ciò che noi scartiamo? Nel libro si sostiene una tesi ormai condivisa in gran parte dei paesi europei: se si ricicla i rifiuti diminuiscono di numero e volume, anzi diventano strumento per altro, ovvero possono produrre lavoro e ricchezza. 

Partendo da una «buona pratica» concreta (il consorzio Priula nel Trevigiano), i due autori dimostrano che funziona meglio una tassa comunale che non prenda in considerazione i metri quadrati di una casa o di un ufficio, bensì la capacità dei cittadini di produrre rifiuti differenziati. Lo dicono i numeri: in questo modo il rifiuto indifferenziato (il «secco») scende da 320 chilogrammi pro-capite a 40 kg, e la differenziata sale dal 27% all’84%! Anche le famiglie ne hanno un grande beneficio: prendendo l’esempio trevigiano, a fronte di 240 euro di tassa su scala nazionale, con la differenziata «spinta» si pagano 160 euro.

Ad ospitare l’incontro sarà appunto l’Informagiovani di Parma, gestito dal Gruppo COLSER-Auroradomus, che ancora una volta si mette a disposizione della città per ospitare iniziative di carattere culturale dimostrando la propria vocazione all’offerta di opportunità di incontro e non solo come semplice punto informativo. La presentazione sarà quindi l’occasione per discutere approfonditamente di economia circolare e zero, con interlocutori che da anni si occupano attivamente della materia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

Vaccino: da domani prenotazioni anche online per i 50-54enni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento