menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La 5^C del Rondani a Roma per ricevere il premio Educational del Cetri

Rancati (CETRI): "Progetto ritenuto meritevole perché punta al coinvolgimento dell'intera comunità". De Maria (Rondani): "Oggi crediamo di più in quella che può essere la tipologia di costruzione del futuro".

Il 15 Marzo prossimo, nell’ambito della cerimonia dei Cetri Educational Award, gli studenti della 5^C dell’Istituto Tecnico Statale Geometri “Camillo Rondani” di Parma saranno premiati con indirizzo di saluto del Presidente Pietro Grasso a Palazzo Madama a Roma, nella Sala Koch del Senato della Repubblica, per la loro partecipazione alla realizzazione del progetto “Modulo ECO”.

Il Cetri-Tires (Cercle Européen pour la Troisième Révolution Industrielle – Third Industrial Revolution European Society) è il Circolo Europeo per la Terza Rivoluzione Industriale ispirato ai principi dell’economista statunitense Jeremy Rifkin, il cui piano formativo prevede un nuovo modello energetico distribuito, interattivo e democratico che abbia positivi risvolti ambientali e climatici grazie al coinvolgimento partecipato dei cittadini. Una visione attuata coinvolgendo in prima persona le nuove generazioni, per contribuire a creare una classe di adulti consapevole degli odierni problemi dell’inquinamento e delle sue possibilità di risoluzione tramite la diffusione democratica della produzione di energia.

moduloeco-2

Ambiente, benessere, salute e sostenibilità energetica: tematiche delicate e di sensibile attualità che il Cetri-Tires ha riscontrato marcatamente nell’operato della classe 5^C del “Rondani” sulla realizzazione del Modulo ECO, progetto targato Manifattura Urbana già in fase di attuazione da ottobre, quando l’associazione parmigiana ha attivato i laboratori progettuali con il patrocinio e la co-organizzazione del Comune di Parma, grazie all’Assessore all’Urbanistica Michele Alinovi che ne ha sposato l’idea e all’Energy Manager Enzo Bertolotti che lo ha incluso nel Patto dei Sindaci (PAES), il principale movimento europeo che vede impegnate autorità locali e regionali ad aumentare l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nei loro territori entro il 2020.

Grazie alle numerose aziende che hanno creduto nel progetto, fornendo i materiali per la costruzione dei vari pezzi, e all’Ordine degli Architetti di Parma, che ha offerto ai ragazzi la possibilità di usufruire di uno spazio all’interno del Workout Pasubio (uno dei luoghi-simbolo della rigenerazione urbana ducale), a breve potranno avviarsi anche i laboratori per l’assemblaggio e la costruzione, ai quali parteciperanno i 21 studenti del “Rondani”, coordinati dal progettista Francesco Fulvi e dall’equipe di Manifattura Urbana che segue l’intero percorso partecipato. Una volta terminato, il Modulo ECO verrà posizionato temporaneamente in Piazzale della Pace: sarà grande circa 60 metri quadrati e, oltre ad ospitare lo Sportello Energia del Comune, verrà reso disponibile ad associazioni, università, studenti, ordini professionali e aziende che vorranno cogliere l’opportunità di organizzare i propri eventi (adibito come sala convegni, può ospitare circa 40 persone) oltre a rappresentare un presidio anti-degrado ed un esempio di impegno civico e di cittadinanza attiva.

"Il progetto di questa installazione sostenibile cui partecipano gli studenti dell'Istituto “Rondani” di Parma focalizza quell’obiettivo di sensibilizzazione delle nuove generazioni sulle questioni legate alla sostenibilità ambientale – così Antonio Rancati, Coordinatore nazionale dell’attività di Educational del Cetri-Tires – . Un progetto che parte da una meritoria associazione come Manifattura Urbana e che la pubblica amministrazione locale e l'Ordine degli Architetti di Parma hanno contribuito a rendere importante, puntando sul coinvolgimento dell’intera comunità".

Viva soddisfazione espressa dall’Istituto “Rondani” e percepibile nelle parole del Prof. Ferdinando De Maria, docente di Progettazione, Costruzione e Impianti della classe 5^C: « Un riconoscimento importante all’operato dei nostri ragazzi e uno stimolo in più per credere in quella che potrebbe la tipologia di costruzione del futuro: un edificio in legno, eco-sostenibile e auto-costruito, completamente autonomo dal punto di vista energetico e a impatto quasi zero sull'ambiente". Oltre a quella parmigiana, altre due le scuole premiate: l’Istituto Statale di Istruzione Superiore “Giulio Natta” di Bergamo per il progetto “Future Energy & Young Minds”; e il Liceo Artistico “Giuseppe Terragni” di Como per le soluzioni progettuali sulla ricostruzione del Nuovo Bivacco di Taeggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Attualità

    Vaccino: entro fine mese in arrivo 354mila dosi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento