menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taglio di alberi nei torrenti: sicurezza o danneggiamenti? Se ne parla martedì al Bizzozzero

Alcuni comitati ambientali organizzano un incontro pubblico per parlare dell'intenso disboscamento avvenuto e, ancora in corso, nella nostra provincia. Quali sono gli effetti ambientali derivanti dal taglio lungo i torrenti? Se ne parlerà martedì sera al parco Bizzozzero

“I tagli della vegetazione nei torrenti: Parma più sicura o danno ambientale?” È questo il titolo di un incontro pubblico organizzato da Legambiente, Lipu, ALF (Lesignano Futura), Centro studi Monte Sporno e WWF per martedì 22 marzo alle ore 18, presso la sala Barchessa in via Bizzozero 19, Parma.

Il taglio di alberi nella fascia ripariale del torrente Parma a Langhirano ha suscitato molte proteste per la desertificazione provocata nelle due sponde, dei comuni di Langhirano e Lesignano. 

Sono numerosi gli interrogativi a cui gli ambientalisti proveranno a dare risposta, anche alla luce di recenti studi accademici sull’importanza del mantenimento della vegetazione nei pressi delle aste fluviali, proprio per garantire più sicurezza. 

Se è vero che la vegetazione deve essere gestita per motivi di sicurezza idraulica, i disboscamenti in molti casi non rendono i fiumi più sicuri, anzi a volte hanno l'effetto opposto, aumentando la velocità della corrente, l'erosione delle sponde e il trasporto solido

Dunque il primo interrogativo da sciogliere è proprio sulla sicurezza a valle, se si impatta così fortemente sulle sponde. Il secondo interrogativo è se, nelle modalità di affidamento di questi lavori, ci siano affari loschi, come diversi episodi oscuri lasciano intendere.

Il terzo interrogativo è sulla latitanza delle istituzioni preposte al controllo dei lavori e sul palese contrasto delle direttive della Regione Emilia-Romagna in materia.

Al proposito le associazioni hanno anche lanciato una petizione rivolta al presidente della Regione proprio per chiedere un intervento deciso a tutela delle leggi, che già esistono, sul trattamento di rispetto della vegetazione in ambito fluviale. Ricordiamo che in Emilia-Romagna, fin dal 1994 la Delibera regionale 3939 ha messo fuorilegge le “devegetazioni spinte” , che “vanno assolutamente evitate”. Successivamente la L.R n. 7/2004, le linee guida approvate con le Delibere n. 667/2009, n. 246/2012, la Delibera dell'Autorità di Bacino del Po n. 9/2006, hanno specificato meglio perché e come la vegetazione fluviale ed i sedimenti devono essere mantenuti.

L'url della petizione:

https://www.change.org/p/regione-emilia-romagna-stop-ai-disboscamenti-illegali-nei-fiumi-

cb424acd-b6c9-4572-ba42-dc50e62b6e61

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 125 nuovi contagi e un morto

  • Cronaca

    Parma da oggi in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento