ParmaToday Cittadella

insieme per edith

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday La scuola primaria paritaria Edith Stein è una piccola scuola primaria, gestita dal 2013 dalla Cooperativa Sociale Eidé, che pone l’alleanza con le famiglie alla base del proprio progetto educativo. Come molte altre realtà, per far fronte alla situazione di emergenza dovuta al COVID 19, la scuola ha dovuto ripensare la propria organizzazione, adeguando tempi di lavoro e spazi per garantire la maggior sicurezza possibile agli studenti e al personale. In questa ottica, il Consiglio di Istituto, composto da rappresentanti dell’istituzione scolastica e delle famiglie, ha attivato durante l’estate alcuni gruppi di lavoro di genitori sia per progettare i cambiamenti necessari per prevenire il Covid, sia per realizzare due nuovi progetti ispirati anch’essi dalla necessità di ripensare i tempi e gli spazi scolastici: rendere più accogliente per il gioco lo spazio esterno del grande terrazzo, ombreggiando con tendoni là dove affacciano le finestre delle aule; dotare la scuola di una lavastoviglie professionale e delle necessarie stoviglie, per abbattere l’utilizzo della plastica. Insomma, gli sforzi messi in campo per la ripartenza in settembre sono stati significativi e hanno naturalmente implicato dei considerevoli nuovi costi. Il Consiglio di Istituto, dopo aver analizzato la previsione dei costi aggiuntivi, la cui cifra complessiva ammonta a 26.186,25 € (vale a dire 284,63 € per ogni bambino iscritto alla scuola) ha deciso di scartare la soluzione immediata del contributo straordinario da ripartire totalmente tra tutte le famiglie in aggiunta ai normali contributi scolastici annuali. Si è fatta strada subito l’idea di attivare invece, tramite le famiglie stesse, una campagna di donazioni ed erogazioni liberali, con l’auspicio di coprire almeno in parte questi costi: www.insiemeperedith.it La partecipazione è stata da subito straordinaria: - C’è chi ha donato materiale per la sicurezza anti-covid - C’è chi ha donato tempo e competenze per organizzare eventi, laboratori, vendite di oggetti e per coordinarne la realizzazione in sinergia continua con la scuola - C’è chi si è impegnato a mappare le competenze e le abilità possedute dai genitori e dai famigliari degli alunni, beni immateriali ma preziosi da mettere in campo per ulteriori iniziative di raccolta fondi - C’è chi ha donato la lavastoviglie, i piatti e bicchieri, e i giochi per il nostro terrazzo - Alcune famiglie hanno versato un contributo in denaro, idealmente coprendo la propria “quota” e magari anche quella di altri - Alcune aziende hanno partecipato con donazioni importanti: Chiesi farmaceutici, Multidialogo s.r.l, Assitek s.r.l, Salumeria Nadotti, La C.A. Servizi s.r.l - La ditta Gemos, che si occupa della ristorazione della scuola, ha donato la merenda di Natale. Ognuno ha dato secondo le proprie possibilità ed è stata già raggiunta la considerevole somma di € 17.415 Per ringraziare i donatori e condividere la soddisfazione per l’impegno profuso con successo, il giorno 18 dicembre alle ore 15, presso la scuola, la Presidente della Cooperativa Eidè, Maria Stefania Tavani, insieme alla Preside Annalisa Dall’Asta e ai genitori membri del Consiglio di Istituto, Elena Marani e Diego Ardigò, accoglieranno simbolicamente tutte le donazioni ricevute attraverso la presenza di: - Giovanni Marani e Anna Ghiretti, rispettivamente consulente e responsabile comunicazione di Assitek srl, che ha scelto di celebrare il proprio ventennale a sostegno di una realtà educativa del territorio e ha quindi risposto alla campagna fundraising per la Scuola di Edith con un contributo ai costi della didattica digitale integrata - Antonello Curreli, Amministratore delegato di Multidialogo srl - Andrea Pellicelli, proprietario della Salumeria Nadotti formaggeria, situata in Piazzale Lubiana, 9 - Alberto Catellani, Amministratore delegato di La C.A. Servizi S.r.l. I bambini e le bambine della scuola offriranno ai donatori un presepe da loro realizzato e ambientato nella nostra città, con l’auspicio che la speranza del Natale possa invaderla, soprattutto in questo tempo così difficile ed incerto. “Come scuola abbiamo ricevuto il più bello dei doni: il sostegno di tanti e di tante. Sempre convinti che Ne usciremo solo insieme, siamo grati per questa esperienza di vera alleanza fra scuola e famiglia”, commenta la Preside. La campagna fundraising prosegue. www.insiemeperedith.it Il Consiglio di Istituto Annalisa Dall’Asta, Silvia Franzini, Valeria Bacchitta, coordinamento Scuola di Edith Filippo Cattabiani, amministratore delegato Cooperativa Eidè Caterina Savio e Alice Ringozzi, insegnanti Elena Marani e Diego Ardigò, genitori www.lascuoladiedith.it
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ParmaToday è in caricamento