intervista a domenico muollo nuovo referente di parma, per riva destra.

Domenico Muollo nel coordinamento di Parma per Riva Destra. A breve nuove nomine.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Domenico Muollo. Esponente di spicco della storica destra fidentina e parmigiana è entrato a far parte di Riva Destra (movimento nato nel 1994 con lo scopo di unire tutta la destra d’Italia mantenendo i valori di sempre). Di seguito proponiamo la sua intervista: Sei entrato a far parte di Riva destra da qualche mese. Fabio Schiuma con l’accordo di Angelo Bertoglio ti ha nominato referente per Parma, con quali motivazioni hai accettato? Ho accettato volentieri la proposta in primo luogo da Angelo e poi ratificata in primis da Fabio è tutto il direttivo di Riva destra, perché credo che sia un anello di congiunzione tra tutte quelle persone che pur essendo di destra non si riconoscono in nessun partito Al momento, tutti sanno sul territorio di mia pertinenza che ho aderito a Fratelli d’Italia sin dall’inizio e in questi anni di militanza ho visto tanta gente che pur avendo fiducia in Giorgia Meloni non hanno mai fatto il passo decisivo di entrare nel partito, Ecco reputo il mio impegno proprio per portare sempre più quelle persone vicino alle nostre posizioni che in questo momento storico sono similari a quelle di Fratelli d’Italia. Stai avendo dei riscontri dal territori? Come influisce nella tua vita politica la tua appartenenza anche a Fratelli d’Itali? Alle persone che si sono avvicinate in primo luogo o chiarito che non è obbligatorio ovviamente tesserarsi anche a Fratelli d’Italia pur ricoprendo in questo momento io stesso un incarico a livello regionale La mia azione è rivolta Più che altro è a non disperdere di voti specialmente in questo momento a ridosso di un elezione regionale che avverranno il 20 di gennaio del 2020 dove ce la andremo a giocare sul filo di lana ecco anche il singolo voto è prezioso e lui saputo che l’elettore di destra se non si riconosce appieno in un partito tende a restare a casa e questo se possibile lo dobbiamo evitare. Parlando di elezioni regionali che si giocano su un filo di lana c’è qualcuno di Riva destra all’interno della lista provinciale? Il mio supporto alla causa sarà a prescindere proprio perché se mai riuscissimo a spuntarla in questo territorio ostico per la destra sarebbe un successo storico Ovviamente ho delle mie preferenze Ma certo non sono vincolanti il supporto Riva destra alla lista provinciale di Fratelli d’Italia una volta ufficializzata con i nomi e cognomi parleremo con tutti e cinque e chi davanti al direttivo ancora in fase di Costituente raccoglierà la nostra fiducia sarà il candidato ufficiale anche di Riva destra. Parlando a livello regionale come vedi Riva Destra? Il lavoro che si sta svolgendo da qualche mese è veramente incommentabile da parte di tutti sia a livello centrale che a livello locale Angelo Bertoglio ha scelto veramente bene e ancora altri aderiranno ci sono dei territori ancora scoperti penso a Piacenza per esempio è presto avrà anche quel territorio un suo rappresentante Spero prima del 14 di dicembre quando a Bologna faremo un direttivo nazionale di questo ringrazio personalmente Chi ha voluto che si svolgesse proprio in Emilia Romagna troppi per dare forza a quel nostro impegno che avremmo per le prossime elezioni regionali. Cosa ti sta entusiasmando di Riva Destra? Trovo veramente fantastico il fatto di incontrare tutte le settimane di parlamentari e fargli conoscere Ecco ad uno ad uno tutte le azioni che si svolgono sul territorio Romano è una cosa che nel breve tempo possibile vorrei il primo luogo che si realizzasse anche a Parma e poi estenderla a tutte le realtà oggi presenti nella struttura coinvolgendo oltre ai politici locali anche quelle persone della società civile che sicuramente hanno tanto da dire fare una sorta di confronto tra mondo politico e realtà territoriali Riva destra nasce proprio come aggregante del mondo civile e deve espletare la sua funzione in tal senso. Per concludere, cosa prevedete per il futuro di Riva destra nel parmense? Nei prossimi giorni altri esponenti di coordinamento verranno nominati da Roma. Lo scopo è quello di avere una visione più ampia di tutto il territorio, dando risposte efficaci ai cittadini e una costante e rassicurante presenza di personalità competenti e pronte a dare una mano per risolvere i problemi della collettività.
Torna su
ParmaToday è in caricamento