luisa fiamma entra nel coordinamento di amo - colorno

Una nuova importante figura dedita al sociale e alla terza età.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il gruppo Amo - Colorno è orgoglioso di annunciare l’ingresso nel coordinamento di Luisa Fiamma per la parte legata all’organizzazione e alla terza età. Luisa è una mamma di due figli, residente nella bassa est parmense da vent’anni. Di origini campane ha vissuto prima a San polo di Torrile, e poi a Colorno. Innamoratasi del bellissimo paese di Maria Luigia, ha deciso di impegnarsi attivamente per il bene di Colorno e dei suoi residenti, soprattutto degli anziani, essendo una qualificata operatrice socio sanitaria con esperienza pluriennale e con un amore incondizionato verso queste persone. Una persona decisa e piena di idee e progetti atti a migliorare la vita dei colornesi. Vicina alle problematiche delle persone di età avanzata, vuole combattere la solitudine e l’abbandono: “ritento” dice Luisa, “che ognuno di noi abbia diritto di non essere solo e che una buona amministrazione debba stare vicino alla gente, accogliendo anche necessità che a noi possono sembrare di poco conto ma che non lo sono”. Spesa a domicilio, farmaci a domicilio, compagnia per gli anziani, luoghi per la loro integrazione e per passare il tempo in maniera costruttiva, sono una prerogativa di Luisa, che vorrebbe vedere rifiorire Colorno, e non essere più solo un paese “dormitorio”. Un paese a misura di tutti gli abitanti. Convinti che saprà sorprenderci non possiamo fare altro che augurarle buon lavoro. Il coordinamento del gruppo Amo - Colorno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento