rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
MALTEMPO

Maltempo, marzo porta subito due perturbazioni, la seconda forse pesante

Per sabato si profila un temporaneo miglioramento su parte dell’Emilia Romagna

Dorothea ed Emil, due vortici di bassa pressione a braccetto che probabilmente continueranno a far sentire la loro voce fino al fine settimana. Il mese di marzo si aprirà infatti sotto al segno del maltempo, complice una circolazione atmosferica a livello continentale favorevole all’ingresso sulla nostra Penisola di altri sistemi nuvolosi. Nuvole e pioggia difficilmente molleranno la presa entro giovedì 29, con precipitazioni diffuse destinate a persistere e risultare a tratti moderate sui settori centro-occidentali della Regione. In questa occasione, qualche rovescio potrebbe raggiungere anche la Romagna e più specificatamente nel corso del pomeriggi di mercoledì e giovedì. Tra venerdì 1 marzo e il successivo weekend sono previste altre due perturbazioni. La prima attraverserà il Paese tra venerdì 1 marzo e le prime ore di sabato 2, con precipitazioni più probabili al Centro-Nord. Per sabato si profila un temporaneo miglioramento su parte dell’Emilia Romagna e lungo le coste dove sono previste ampie schiarite soleggiate. Si tratterà comunque di una pausa poiché tra domenica 3 e lunedì 4 sembra profilarsi un nuovo peggioramento: la perturbazione n. 2 del mese di marzo particolarmente attiva potrebbe investirci portando, ancora una volta, un bel carico di precipitazioni, con fenomeni che potrebbero risultare ingenti. Le temperature non subiranno variazioni importanti almeno fino a sabato, mantenendosi su valori per lo più superiori alla norma. Tra domenica e l’inizio della prossima settimana si potrebbe andare incontro ad un lieve raffreddamento per l’ingresso di aria un po’ più fredda. L’evoluzione appena descritta resta ovviamente incerta e dovrà essere opportunamente confermata nei prossimi aggiornamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, marzo porta subito due perturbazioni, la seconda forse pesante

ParmaToday è in caricamento