Bosi: "Chi volesse scoprire chi sono davvero venga nel mio ufficio" 

Il vicesindaco dopo le polemiche per i like su Facebook alle pagine di gruppi sessisti

I mi piace messi dal vicesindaco Bosi - foto tratta da Pizzaballa Reloaded

Il vicedindaco Marco Bosi dopo le polemiche per i like messi a pagine di gruppi ultra sessisti, che veicolano un'idea oggettivizzante della donna, si difende su Facebook: "Ci tengo a ringraziare tutti quelli che mi hanno scritto messaggi di stima in questi giorni. Soprattutto le donne che mi hanno detto che sanno che persona sono. Purtroppo non posso dimostrarlo con le parole, ma sono di quanto di più lontano da quello che qualcuno ha provato a descrivere. Ho riflettuto tanto in questi 2 giorni e ho la certezza che ogni mia azione sarà fatta con più consapevolezza. Perché è giusto così e perché ora non rispondo solo per me stesso, ma per le persone che hanno riposto fiducia in me. Resta l'amarezza di una politica che scende a livelli bassissimi quando mancano contenuti politici. Ho scritto al gestore della pagina (sì, so benissimo chi la gestisce) e gli ho detto direttamente queste cose. Non è ai politici degli altri partiti che devo rendere conto, ma ai cittadini di Parma. Per questo, chi volesse scoprire chi sono davvero, senza idee precostituite venga a trovarmi nel mio ufficio. La porta è aperta. Parlo sul serio, vi aspetto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Bonus affitto per famiglie e persone in difficoltà a causa dell'emergenza Covid: contributo fino a 1.500 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento