menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Call Center, Maestri alla Camera lancia l'allarme: '8 mila lavoratori a rischio' 

La parlamentare del Pd alla Camera: "Il Governo deve intervenire in un settore che occupa migliaia di giovani in tutta Italia". E propone di estendere la Cassa integrazione straordinaria al settore, come per l'industria

Patrizia Maestri, parlamentare del Pd, alla Camera dei Deputati è intervenuta per porre il problema dei lavoratori dei Call Center che, a Parma come in tutta Italia, vivono un'estrema condizione di precarietà alla quale si aggiunge ora anche il rischio licenziamento. 

'Vorrei esprimere una grande preoccupazione per quello che sta accadendo nei call center, rischiamo di aver 8 mila esuberi a fronti di un'occupazione complessiva di 80 mila persone. Grandi aziende come Almaviva hanno già avviato procedure di licenziamento. Chiediamo al Governo alcuni interventi: intanto che faccia rispettare l'articoo 24 bis della Legge 83/2012 a cominciare dall'obbligo per l'operatore di comunicare, ad inizio di chiamata, da quale stato parte la conversazione anche in Italia,  consentendo al cittadino di farsi gestire la chiamata da un operatore sul territorio nazionale. Il Governo deve intervenire per le aziede quotate in Borsa per evitare il meccanismo del massimo ribasso. Considerare inoltre i call center per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali come le grandi industrie, estendere al settore la Cassa integrazione straordinaria, così come previsto nel comparto industria e cancellare i contratti pirata, che sono tanti". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 125 nuovi contagi e un morto

  • Cronaca

    Parma da oggi in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento