menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cena dei Mille, le opposizioni non ci stanno: "No ad un modello culturale elitario e classista"

La protesta dei gruppi di minoranza

Cena dei Mille. Dopo l'annuncio che la manifestazione si farà, nonostante l'emergenza Covid- 19, le opposizioni non ci stanno e attaccano l'Amministrazione Comunale.

"Pare purtroppo che la filosofia del Comune di Parma sia quella di considerare il Covid come una parentesi spiacevole, da archiviare il più rapidamente possibile per tornare esattamente a quello che eravamo: se una casa ha problemi di fondamenta la si ripara, specialmente se crolla, ma alla Giunta sembra interessare poco. 

E così dopo avere confermato, per fine ottobre nel pieno dell’autunno la Mille miglia, una manifestazione che passa dal Parco Ducale lasciando segni indelebili e che trasmette un messaggio opposto rispetto ad ogni proposito di di non inquinare costandoci 60.000 euro, oggi tocca alla cena dei mille. Che nonostante l’obbligo di distanziamento sociale al momento vigente, si rifarà (o così si vorrebbe). É di pochi giorni fa la notizia che il Comune ha confermato la manifestazione, insieme agli imprescindibili Giardini Gourmet che interessano una trentina di partecipanti. Il tutto al costo di euro 100.000 invece che 200.000, una riduzione dovuta alla impossibilità di organizzare Cibus Off e altre iniziative caratterizzate dalla non entusiasmante partecipazione dei cittadini di Parma. 

Sia chiaro: anche a noi interessa il turismo, anche noi vogliamo una città attrattiva: ma ci sono molti altri modi per perseguire questi obiettivi. Ad esempio, valorizzando molto di più e molto meglio i tesori (noti e meno noti) che la città offre ed organizzando mostre che siano un po’ più ampie e un po’ meno di nicchia di quelle che abbiamo visto negli ultimi anni: anche città come Rovigo o Forlì hanno imparato a farle (senza alcuna offesa verso queste due belle realtà).


La cosa ha del surreale se si pensa che l’assegnazione del contributo comunale è avvenuta a seguito dell’apertura della busta, contenente l’offerta pervenuta per la realizzazione della cena, operazione effettuata il 7 aprile in piena emergenza covid, quando nemmeno si sapeva cosa sarebbe accaduto sul fronte delle riaperture. E così immaginiamo una cena dei mille a due metri di distanza, con una tavolata sotto le stelle che si protrarrebbe fino a metà di via d’Azeglio, aumentando i disagi per tutti gli altri 192.000 cittadini che non siederanno a quel tavolo. 

Ma quel che ci pare davvero inaccettabile è la riproposizione di un modello culturale elitario e classista, in un momento in cui i parmigiani fanno i conti con una crisi che anche sul piano economico sarà pesantissima, con una manifestazione che in beneficenza dona veramente poco in rapporto allo sfarzo, come se non ci fossero state 6000 domande di buoni alimentari poche settimane fa. Non serve la sensibilità di un francescano per capire che non è il tempo per queste iniziative, il Comune avrebbe fatto meglio a donare tutta la somma stanziata in beneficenza. 

E se ci sono cittadini generosi, e in questi mesi ne abbiamo avuto conferma, che possono e desiderano contribuire per aiutare gli altri, siamo certi che accetterebbero volentieri un piccolo riconoscimento simbolico al posto della partecipazione ad una cena surreale e mai come ora inopportuna dal punto di vista etico e sanitario". Il comunicato riporta le firme di Bruno Agnetti, Giuseppe Massari (Parma Protagonista), Caterina Bonetti, Sandro Campanini, Daria Jacopozzi, Lorenzo Lavagetto
(gruppo Pd) e Roberta Roberti (Gruppo Misto). 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Erogazione gratuita di farmaci in fascia C: ecco come fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento