Commissione sull'inceneritore. L'opposizione protesta

La decisione è presa, con gran disaccordo dell'opposizione. Infatti oggi verrà portata in Consiglio comunale la delibera per una commissione d'inchiesta sulla gestione rifiuti e l'inceneritore

La decisione è presa, con gran disaccordo dell'opposizione. Infatti domani verrà portata in Consiglio comunale la delibera per una commissione d'inchiesta sulla gestione rifiuti e l'inceneritore. E' stato deciso oggi nel corso della commissione Affari istituzionali che si è tenuta dopo la riunione dei Capigruppo, a cui la stampa non aveva accesso.

A proporre la commissione d'inchiesta è stato il consigliere Mauro Nuzzo suscitando le prime polemiche del consigliere dell'Udc Giuseppe Pellacini: "Non abbiamo il documento del Tribunale su cui si dovrebbe basare la nostra indagine, non abbiamo approfondito l'argomento e questo per me non è il modo di presentare una delibera". Ancora più deciso Ubaldi che nega il suo appoggio: "Se ci fosse stata un'intesa ragionata saremmo arrivati a una discussione, resta il fatto che sono contrario a una commissione su atti del Tribunale, per cui io non sono d'accordo e questa indagine per me non si fa".

Gli animi si accendono con l'intervento di Maria Teresa Guarnieri che vede nella scelta dei grillini una costrizione nei confronti della minoranza: "Volete una delibera che non avete discusso. Io non ho nulla da temere per questi controlli, ma credo che se la minoranza non ritiene prioritaria questa commissione e la maggioranza insiste parliamo di forzatura". La risposta di Nuzzo non si è fatta attendere: "L'opposizione confeziona mezze verità molto bene". E su queste parole si è chiusa la seduta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contemporaneamente ha preso il via anche la commissione d'inchiesta straordinaria Public Money. All'unanimità è stato votato il vice presidente Alfonso Feci e subito dopo il presidente Massimo Iotti ha aperto i lavori stabilendo le priorità: "Dobbiamo iniziare a definire i settori da cui vogliamo partire, soprattutto per la richiesta degli atti agli uffici necessari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

  • Parma-Carli, incontro positivo: strategie e richieste

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento