Commissione sull'inceneritore. L'opposizione protesta

La decisione è presa, con gran disaccordo dell'opposizione. Infatti oggi verrà portata in Consiglio comunale la delibera per una commissione d'inchiesta sulla gestione rifiuti e l'inceneritore

La decisione è presa, con gran disaccordo dell'opposizione. Infatti domani verrà portata in Consiglio comunale la delibera per una commissione d'inchiesta sulla gestione rifiuti e l'inceneritore. E' stato deciso oggi nel corso della commissione Affari istituzionali che si è tenuta dopo la riunione dei Capigruppo, a cui la stampa non aveva accesso.

A proporre la commissione d'inchiesta è stato il consigliere Mauro Nuzzo suscitando le prime polemiche del consigliere dell'Udc Giuseppe Pellacini: "Non abbiamo il documento del Tribunale su cui si dovrebbe basare la nostra indagine, non abbiamo approfondito l'argomento e questo per me non è il modo di presentare una delibera". Ancora più deciso Ubaldi che nega il suo appoggio: "Se ci fosse stata un'intesa ragionata saremmo arrivati a una discussione, resta il fatto che sono contrario a una commissione su atti del Tribunale, per cui io non sono d'accordo e questa indagine per me non si fa".

Gli animi si accendono con l'intervento di Maria Teresa Guarnieri che vede nella scelta dei grillini una costrizione nei confronti della minoranza: "Volete una delibera che non avete discusso. Io non ho nulla da temere per questi controlli, ma credo che se la minoranza non ritiene prioritaria questa commissione e la maggioranza insiste parliamo di forzatura". La risposta di Nuzzo non si è fatta attendere: "L'opposizione confeziona mezze verità molto bene". E su queste parole si è chiusa la seduta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contemporaneamente ha preso il via anche la commissione d'inchiesta straordinaria Public Money. All'unanimità è stato votato il vice presidente Alfonso Feci e subito dopo il presidente Massimo Iotti ha aperto i lavori stabilendo le priorità: "Dobbiamo iniziare a definire i settori da cui vogliamo partire, soprattutto per la richiesta degli atti agli uffici necessari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sepe cuore d'oro: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

  • Coronavirus, manca la manodopera per la coltivazione dei pomodori: ecco come candidarsi

  • Coronavirus - Parma piange altri 14 morti, 48 nuovi casi: il totale arriva a 2.365

  • Coronavirus: muore a 60 anni l'attivista dei 5 Stelle Cinzia Ferraroni

  • Coronavirus, Parma piange altri 25 morti e 118 nuovi casi: il totale supera i 2.200

  • Coronavirus: muore a 54 anni Roberto Bocchi

Torna su
ParmaToday è in caricamento