Consiglio dalle 15: si vota sulla Commissione per Public Money

Dopo le polemiche degli ultimi giorni sull'inceneritore oggi la politica ritorna nei ranghi dell'aula consigliare. Si delibera anche sulla modifica dello statuto di Fiere spa e sull'uscita dalla Fondazione Collegio Europeo

Oggi pomeriggio dalle 15 torna a riunirsi il Consiglio comunale di Parma. Negli ultimi giorni a tenere impegnata la politica locale ci hanno pensato le polemiche sul termovalorizzatore di Ugozzolo con la lettera 'confidenziale' di F2i e l'interrogazione parlamentare presentata dai senatori del Movimento 5 Stelle. Oggi la politica ritorna nei ranghi dell'aula consigliare e discute della Commissione di indagine per Public Money. Nell'elenco delle deliberazioni sulle quali sarà chiesto il voto ai consiglieri la modifica dello statuto di Fiere di Parma spa e il recesso del Comune di Parma dalla Fondazione Collegio Europeo. Si voterà anche sulla revisione dei criteri di calcolo per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà nei Peep.


CRONACA

Votazione sulla delibera: 23 favorevoli e un astenuto. Approvata

Si vota per la presidenza di Massimo Iotti. Votazione: 5 favorevoli, 2 astenuti, 1 contrario

Il Pd candida Massimo Iotti come presidente e Ettore Manno si dimette dalla Commissione: "Così la Commissione verrà fatta dal Movimento 5 Stelle e dal Pd". Si vota un emendamento per le dimissioni di Manno. L'emendamento non passa. Manno si potrà dimettere dalla Commissione dopo l'approvazione della Commissione.

Ettore Manno si candida alla presidenza della Commissione su Public Money e chiede al Pd di ritirare la candidatura di Massimo Iotti.

Ore 19.55 - Votazione della delibera per la Commissione Public Money: 24 favorevoli e un astenuto

Ore 19.15 - Pizzarotti all'opposizione: "Per le parole del consigliere De Lorenzi penso che si usi il linguaggio della politica, anche voi lo fate ma vi presentate come una sorta di verginelli della politica. Quello che è successo a Parma non è normale. Non penso che ci sia bisogno di giustizialismo".

Ore 18.45 - Manno: "Chiedo la sospensione del Consiglio comunale perchè non ci sono le condizioni per votare questa delibera".

Ore 18.30 - Buzzi al consigliere De Lorenzi: "Non si possono sentire le parole del consigliere Delorenzi, una specie di Torquemada. Il sindaco e il Movimento 5 Stelle si dissoci dalle parole del consigliere De Lorenzi, altrimenti esco da questa sala e vado alla Procura della Repubblica perchè queste sono parole intimidatorie"

Il consigliere De Lorenzi esprime dubbi sulla Commissione e sul fatto che alcuni membri hanno deciso di non partecipare, ponendo il dubbio che l'esclusione possa essere dettata da ragioni di imbarazzo per la situazione. Dubbi sulla presenza di 12 consiglieri che, secondo De Lorenzi, sarebbero troppi e della presenza dei gruppi minori nelle Commissioni.

Ore 18.00 - Public Money. Vagnozzi e Iotti presentano un testo per la creazione della Commissione di indagine. Vagnozzi: "La Commissione consigliare non sostituisce le inchieste della magistratura. L'ambito scaturisce da Public Money ma sarà la Commissione a stabilire su cosa lavorerà: per arrivare ad un risultato nei primi 6 mesi bisognerà circostanziare gli ambiti di intervento. I consiglieri che facevano parte della passata amministrazione hanno detto di non volerne far parte. Ne faranno parte i consiglieri Ageno, Feci, Fornari, Iotti e Guarnieri. Iotti: "Non vuole indagare sul comportamento delle persone, questo è compito della magistratura. Deve cercare di capire cos'è successo e non deve fare procesi a nessuno".

Ore 17.30 - Delibera su Public Money. Il presidente del Consiglio Vagnozzi: "Un capogruppo di ha chiesto di rimandare la discussione alla conferenza dei capigruppo per discutere di due mozioni relative alla delibera". La seduta viene sospesa per qualche minuto.

Ore 17.20 - Capelli presenta la delibera per la modifica dello statuto di Fiere di Parma spa per far entrare la Camera di Commercio aumentando il numero dei consiglieri da 4 a 5. Si richiede la modifica dell'articolo 16. Delibera approvata all'unanimità, 27 presenti e 27 favorevoli.

I consiglieri Manno e Pellacini chiedono di ritirarla.

Ore 17.00 - Capelli presenta la delibera per gli alloggi Peep. "La delibera deriva da una decisione della Corte Costituzionale". Parla l'ingegner Bertolini che spiega la questione. "Riguarda la variazione dei criteri di calcolo per trasformare i diritti di superficie in diritti di proprietà. Questo impiano normativo prevede dei criterei per il valore di trasformazione. Ci sono circa mille persone interessate a questa trasformazione. La Corte Costituzionale ha stabilito che il modo in cui venivano calcolati prima i criteri non era costituzionale.

Pizzarotti: "Ghiretti si è accorto oggi del Teatro Regio! Domani approveremo il bilancio e poi sarà reso disponibile sul sito del Teatro Regio, in passato, quando c'era anche il consigliere Ghiretti, non si era mai fatto. Per il bando per il bar il problema è che un giornale ha parlato di 'dehors' quando invece nessuno ne aveva parlato".

Ore 16.30 - Ghiretti chiede alla giunta a che punto è la situazione dell'aeroporto Verdi di Parma in crisi e la situazione del Teatro Regio e del bando per il bar del Regio.

Dall'Olio: "Ciò che sorprende è il Commissario abbia assegnato questi incarichi con l'atto citato. Chiedo che il Comune proceda in questa azione di controllo".

Ore 16.15 - Risponde Capelli. "Da quanto rilevato dalle società, il dottor Costantini di Ade ha ricevuto da Parma Infrastrutture un incarico di consulenza per 49 mila euro, il dottor Gianluca Agostini ha ricevuto da Parma Infrastrutture un incarico per 52 mila euro. Lo studio Navarra di Milano ha ricevuto un incarico per 52 mila euro. Tale incarico è stato eseguito dal dottor Procopio, amministratore unico di Infomobility. L'architetto Tagliavini ha ricevuto da Spip l'incarico per 7 mila euro per relazioni tecnica a supporto di richiesta chiarimenti per il concordato preventivo".

L'entità dei compensi degli amministratori si rinvia alla tabella allegata che ho fatto avere a tutti. I compensi sono 39mila 356 per l'amministatore di Stt Gigi Bussolati, il dottor Cinelli 49 mila euro di Stt, Varazzani 100 mila in carica fino al 10 febbraio 2012, Rossini di Alpha 44 mila, Conca di CasaAdesso 30 mila. I rimborsi sono nell'ordine di qualche migliaia di euro: da 2 mila e 22 mila euro".

Ore 16.00 - Interrogazione di Dall'Olio sui rimborsi spese e sui compensi degli amministratori delle società partecipate. Qual'è l'entità dei compensi degli amministratori e dei rimborsi spese. Pare che gli amministratore di Infomobility e di Itcity abbiano ricevuto rimborsi per 140 mila euro, più che altro per spese di viaggio. Vorremo l'assicurazione da parte del Comune che ci sia un controllo su questi rimborsi. Esistono rapporti di consulenza tra gli amministatori e le società che amministrano?

Alinovi: "Ci sono i fondi per la scuola Racagni e per la modifica di una parte per l'arena estiva del Teatro Shakespeare, un milione di euro per la messa a norma del teatro. Iotti: "Per rendicontare un milione di euro fuori sacco per la messa a norma credo che vadano fatte delle verifiche

Ore 15.50 - Capelli sui fondi ex Metro. "Sono 71 milioni e 500 mila euro. Nel 2011 E' stato autorizzato il pagamento di 15 milioni di euro per il Parma Social House, tra ottobre e novembre 2012 autorizzati i pagamenti per 13 milioni di euro. Nel 2012 è stata richiesto il pagamento di circa 2 milioni di euro per l'accessibilità delle famiglie. La situazione ad oggi è questa: complessivamente il totale della rendicontazione a 30 milioni e 39 mila euro.

"E' probabile che si forma una nuova proposta di rimodulazione dei fondi ancora disponibili. Per quanto riguarda l'azienda Pizzarotti ha chiesto 22 milioni di euro mentre le somme stanziate ammontano a 12 milioni e mezzo. La somma di 12 milioni e mezzo è di disponibilità della Cassa Depositi e Prestiti e non del Comune".

Ore 15.45 - Interrogazione di Iotti sui fondi ex Metro. "Come sono stati destinati questi fondi, come si prevede di spendere i fondi che sono rimasti, sono state avviate azioni con la ditta Pizzarotti per la richiesta economica per non aver fatto l'opera?"

Ghiretti: "Per la comunicazione però i soldi li avete trovati? Le proposte vengono fatte: dovete smettere di trattare in modo arrogante e con l'olio di ricino chiunque non la pensi come lei".

Ore 15.40 - Alinovi ha descritto tecnicamente la situazione: ci sono ancora le ditte da pagare. Siamo d'accordo sul fatto che per esempio viale Europa vada messa a posto. Per il parco Ducale se ne deve occupare Iren ma la società non raccoglie le foglie, quindi se non lo facciamo noi le foglie rimangono lì.

Ore 15.30 - Pizzarotti: "Forse Ghiretti, a furia di far articoli, ha perso il senso della realtà".

Ore 15.25 - Ghiretti interroga la giunta sul degrado: "Mi hanno accusato di leggere i giornali. Io li leggo. Ma giro anche in città e mi accorgo di situazioni di degrado, del problema dello spazzamento delle strade alle scritte sui muri, ci sono molte forme di degrado dovute probabilmente a scelte fatte. Intendo sapere cosa vuole fare il sindaco per risolvere questa situazione: ci sono alcune strade che sembrano dei campi arati. Cosa intende fare per pulire le strade in modo adeguato e cosa intende fare per risolvere la situazione al Parco Ducale".

Ore 15.20 - L'assessore Casa "Stiamo lavorando per far si che il turno di notte venga riassegnato il più presto possibile. Cercheremo di migliorare anche il servizo notturno precedente che 4 volte su 7 era praticamente inutile. Pensiamo che la sicurezza parta dalle piccole cose, dal vigile di prossimità. Per il San Leonardo quando è stato sospeso il servizio notturno ci siamo confrontati con il Questore e abbiamo messo a disposizione le forze che operavano la sera di giorno in via Venezia e via San Leonardo e abbiamo visto che ce n'è bisogno".

Ore 15.15 - Interrogazione di Ghiretti sulla sospensione del turno notturno della Polizia Municipale. "La scelta della Comandante della Polizia Municipale è fiduciaria e va contro quello che avete detto fino ad ora. E' il terzo caso di persone scelte dalla giunta che avevano avuto cause in corso con le amministrazioni comunali dove avevano lavorato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento