menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Consiglio comunale del 5 luglio

Il Consiglio comunale del 5 luglio

Consiglio, scontro sul debito. 5 Stelle: "Azioni di responsabilità"

Seconda seduta tra la contestazione dei lavoratori del Teatro Regio. De Lorenzi: "Persequire chi ha creato il buco nelle casse comunali". Ghiretti: "Vi denuncerò". Mozione ritirata. Approvata testo più soft

E' iniziato il secondo Consiglio comunale della giunta Pizzarotti, ancora incompleta. Tra le polemiche. Clima di tensione tra i due schieramenti politici e con il macigno della protesta dei lavoratori del Teatro Regio, in agitazione per chiedere la stabilizzazione dei precari. Segui la diretta video su Parma Today.

SEGUI LA DIRETTA VIDEO

LA DIRETTA

ORE 15.35
Iniziata la seduta, la prima questione sul tavolo della discussione è la cessione della quota del Comune di Parma all'interno della partecipata Stu Pasubio. Il consigliere di minoranza Ettore Manno del Pdci si è detto contrario alla cessione, annunciata nei giorni scorsi dal sindaco. L'assessore al bilancio Gino Capelli ha confermato che con la cessione permetterà al Comune di non pagare più di 11 milioni di euro.

ORE 16.00
Replica di Ettore Manno del Pdci: "Non è mia abitudine rivolgermi alla magistratura ordinaria e alla Corte dei Conti ma sono costretto a chiedere ad altri organi se la procedura di questa amministrazione è corretta".. Interrogazione del consigliere Paolo Buzzi sulla costituzione di un assessorato alla Sanità. "Invito il sindaco a creare un assessorato alla Sanità". Pizzarotti: "Non ci sarà un assessorato specifico sulla sanità ma sarà accorpato all'assessore al Welfare, che sarà pressentato domani".

ORE 16.10
Il consigliere di minoranza Giuseppe Pellacini chiede l'installazione di un sistema di rilevamento della velocità in via Mantova. Risponde l'assessore Folli: "E' di competenza della Provincia". Verifica del numero legale. Consegnato a tutti i consiglieri lo statuto comunale ed il regolamento. Chieste le email ai consiglieri per ricevere le comunicazioni del Consiglio comunale.

ORE 16.20
Il consigliere Ettore Manno chiede un ricordo del regista Giuseppe Bertolucci, recentemente scomparso. Ne traccia una biografia appassionata, chiedendo una comunicazione ufficiale da parte delle istituzioni e del Consiglio comunale.

ORE 16.40
Il consigliere Pellacini sulla questione Teatro Regio: "Cosa intende fare il sindaco per garantire lo svolgimento del Festival Verdi ad ottobre? Siamo preoccupati del futuro delle maestranze del Teatro Regio". Il consigliere Vescovi: "Oltre al Festival Verdi, l'anno prossimo ci sono le celebrazioni per l'anniversario del Teatro. Il Regio appartiene a tutta la comunità. Il sindaco deve dichiarare quale strategia intende seguire. C'è il punto della stabilizzazione delle maestranze è una delle maggiori criticità. Ci sono artisti che devo essere pagati da più di un anno. Si parla di molte ingiunzioni di pagamento da parte di artisti e collaboratori". Si chiede la pubblicazione della relazione dI Ciclosi sul Teatro Regio.

ORE 16.50
Il consigliere Scarpino chiede alla giunta di prestare attenzione alla situazione dei lavoratori delle Poste Italiane. "Si parla dell'esubero di tantissimi postini a Parma, rischiano il posto 50 lavoratori. Ciò crea danni dal punto di vista economico. In questi giorni disagi nella consegna della posta in alcune zone".

ORE 17.10
Il capogruppo di Parma Unita Roberto Ghiretti chiede un Consiglio straordinario per discutere della relazione dell'ex commissario Ciclosi. Dichiarazioni di voto: il gruppo consigliare del Movimento 5 Stelle voterà contro. Pellacini, Guarnieri, Buzzi e Iotti, Ubaldi voteranno a favore.

ORE 17.30
La mozione del consigliere Ghiretti per il Consiglio straordinario è approvata all'unanimità, 31 voti su 31. Il Movimento 5 Stelle ha deciso di votare positivamente.

ORE 17.45
Il consigliere del Movimento 5 Stelle Lucio de Lorenzi presenta una mozione per intraprendere azioni di responsabilità nei confronti di chi ha causato il debito del Comune di Parma. "Non accettiamo lezioni da voi, che ci avete portato allo sfascio". Lo sguardo è rivolto a chi ha fatto parte della giunta Vignali: Ghiretti, Pellacini, Buzzi, Ubaldi. Risposte durissime di Buzzi, Pellacini e Ghiretti: "Vi denuncerò per autotutelarmi in sede giudiziaria. Questo Consiglio non è Norimberga!. Al voto uscirò dall'aula". Buzzi: "Il Comune ha un bilancio sano, il debito non esiste". Ubaldi: "Ci rivolgeremo alla magistratura".

ORE 18.30
Intervento del capogruppo del Mtovimento 5 Stelle Marco Bosi: "La mozione non accusa nessuno, ma vuole distinguere su chi ha avuto responsabilità e chi no. Maria Teresa Guarnieri di Altra Politica si dice contraria al giustizialismo. ""Abbiamo sempre fatto un'opposizione dura, ma politica. Non è compito nostro perseguire chi ha commesso eventuali reati":

ORE 19.30
Il consigliere del Movimento 5 Stelle Lucio de Lorenzo chiarisce lo scopo della mozione. "Non volevo accusare nessuno di aver fatto cose irregolari ma sia chiaro che non accettiamo lezione di metodo da chi ha fatto parte della giunta Vignali. Pellacini e Ghiretti, infuriati, chiedono il ritiro della mozione. Escono dall'aula consigliare in segno di protesta. La seduta è sospesa.

ORE 20.30
Seduta ripresa. Dopo le polemiche Il consigliere del Movimento 5 Stelle de Lorenzo riiora la mozione. Presentata una nuova mozione più soft a firma di consiglieri di maggioranza ed opposizione, più generica ed istituzionale. Approvata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: già vaccinati oltre 41mila cittadini

  • Incidenti stradali

    Ciclista investito da un'auto a Felino: grave al Maggiore

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento