Dopo Vignali: la maggioranza diserta il Consiglio comunale di oggi

I consiglieri del gruppo Impegno per Parma non parteciperanno alla seduta: "Sarebbe un inutile spreco di tempo e di denaro pubblico". L'opposizione: "Tristissima parabola, noi saremo in aula"

Cittadini in piazza festeggiano le dimissioni di Vignali

Dopo le dimissioni di Vignali, In attesa dell'arrivo del commissario prefettizio, si parla della possibilità che ritorni Anna Maria Cancellieri -ex commissario di Bologna già impegnata a Parma per tre mesi nel 1994 dopo la caduta della giunta Lavagetto-  oggi pomeriggio si svolgerà, come previsto, il Consiglio Comunale. I consiglieri del gruppo Impegno per Parma ieri hanno diffuso un comunicato dove prendono posizione e annunciano che non parteciperanno alla seduta.

"La maggioranza consigliare di Impegno per Parma comunica quanto segue: preso atto delle dimissioni presentate dal sindaco Pietro Vignali e della sua dichiarata volontà di non revocarle; atteso che l’attuale fase amministrativa sia da ritenersi definitivamente conclusa per quanto di propria competenza. Il gruppo di Impegno per Parma ritiene che sarebbe un inutile spreco di tempo e di denaro pubblico celebrare un ulteriore consiglio comunale. Pertanto il gruppo non presenzierà alla seduta consigliare prevista per oggi, martedì 4 ottobre, avendo, tra l’altro, chiesto in precedenza e non ottenuto la revoca della seduta stessa".

L'opposizione in consiglio invece ha annunciato che oggi sarà in aula. "Che triste, tristissima, parabola ! -si legge in un comunicato firmato da Giorgio Pagliari, Maria Teresa Guarnieri e Marco Ablondi- inaugurano le prme realizzazioni della STU Pasubio perchè credono di rubare ancora la passerella e non si presentano nella sede consiliare, nella quale dovrebbero esercitare la funzione di governo! E per tre mesi hanno detto che il Commissario - non loro - paralizzerebbe la Città! Che senso di responsabilità! Che rispetto per la Città! E il Sindaco che ha detto che sarà in ufficio fino all'ultimo giorno domani cosa farà ? seguirà lo scandaloso esempio della  sua ex-maggioranza o si presenterà a parlare alla sua Città delle sue dimissioni in ossequio di un preciso dovere istituzionale ? E' l'epilogo degno di una gestione politica e amministrativa che a Parma ha arrecato un danno enorme; è l'epilogo che conferma la necessità di voltare, al più presto, pagina. I Gruppi, che rappresentiamo, domani saranno in aula".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per oggi pomeriggio il coordinamento 'La Piazza' ha annunciato una manifestazione che partirà alle 18 dai portici del Grano per giungere all'Ospedale Vecchio, sotto i portici di via d'Azeglio, per chiedere che uno dei simboli culturali dell'Oltretorrente rimanga pubblico, dopo l'inchiesta della magistratura sul project financing che ha portato all'indagine nei confronti di undici assessori e di Paolo Pizzarotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Bonus affitto per famiglie e persone in difficoltà a causa dell'emergenza Covid: contributo fino a 1.500 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento