Legambiente: "l'Efsa non tutela i consumatori"

Dura dichiarazione del senatore PD e dirigente di Legambiente, Francesco Ferrante, a margine della presentazione del rapporto di Legambiente sui dati delle frodi alimentari.

L'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (Efsa) con sede a Parma, sarebbe "del tutto inadeguata a tutelare i cittadini consumatori". Lo afferma il senatore PD e dirigente di Legambiente, Francesco Ferrante, a margine della presentazione del rapporto di Legambiente sui dati delle frodi alimentari. Ferrante insiste sulla nascita di un'agenzia nazionale per la sicurezza alimentare che avrebbe dovuto essere da coordinamento per il lavoro di carabinieri delle Politiche agricole, Nas, Guardia di finanza, Agenzia delle dogane, ministero della Salute, Corpo forestale dello Stato, capitanerie di porto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, che doveva nascere a Foggia come organo di coordinamento in materia di controlli, divide le istituzioni, che la ritengono inutile, da chi invece, ambientalisti e rappresentanti dei consumatori, chiedono la sua creazione a viva voce. "Se per Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare si volesse intendere un organismo preposto ai controlli, si andrebbe alla ricerca di un ulteriore baraccone - ha dichiarato Silvio Borrello, direttore generale del Ministero della Salute - perché il sistema dei controlli in Italia funziona. Non so quindi che cosa dovrebbe fare."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento