Zorandi (Lega Nord): "Controlli rigidi sul termovalorizzatore"

La nota del candidato sindaco su inceneritore e Iren

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday


La Lega Nord guarda con preoccupazione anche alla situazione ambientale di Parma, una delle città più inquinate d’Italia, come confermato da uno sforamento ormai continuo dei livelli massimi delle polveri sottili. “Rispetto, risparmio e sostenibilità - queste le parole di Andrea Zorandi - sono le regole che devono essere applicate nei progetti che riguardano l’ambiente, i rifiuti e l’energia. I cittadini e il territorio meritano considerazione, dobbiamo capire che la terra è un bene finito e prezioso e che quindi va salvaguardata: diremo perciò basta alla cementificazione selvaggia - prosegue il candidato sindaco - ridurremo l’inquinamento veicolare, porremo rigidi criteri di controllo delle emissioni del termovalorizzatore, predisporremo una completa mappatura delle discariche sparse sul territorio negli anni 70 e 80 e ci mobiliteremo per la relativa bonifica”. I principi federalisti applicati alla gestione dei rifiuti (si smaltiscono sul territorio solo i rifiuti che vengono prodotti nel territorio), permetteranno di “realizzare progetti ragionevoli dal punto di vista ambientale ed economico finalizzati all’aumento della raccolta differenziata dei rifiuti indirizzata al riciclaggio, all’utilizzo della tariffa puntuale ed alla relativa riduzione della tariffa rifiuti a vantaggio dei cittadini. Il rispetto per l’ambiente - aggiunge l'esponente del Carroccio- è un valore ineludibile anche nell’utilizzo dell’energia che deve sempre più derivare da fonti rinnovabili, non utilizzate solo come speculazione e che non comportino consumo di terreno agricolo (leggasi (fotovoltaico). Nell’ottica del risparmio energetico per l’Amministrazione e per i cittadini sarà altresì importante migliorare l’efficientamento energetico del maggior numero possibile di edifici pubblici e produttivi”. A corollario di tutto questo la Lega Nord intende valutare, per il futuro, l’affidamento della gestione della raccolta rifiuti ad una società diversa da quella che ne gestisce lo smaltimento nell’inceneritore da dove, fra l’altro, produce anche l’energia termica per il teleriscaldamento; “Riteniamo che in questi settori sia necessario impedire l’eccessiva predominanza di IREN, ormai al limite del monopolio, che fino ad ora ha comportato solo un aumento dei costi per i cittadini, molti dei quali si vedono anche privati della libertà di scelta del gestore di energia”.

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento