Arillo (PdCI), risposta al Movimento 5 Stelle sull'inceneritore

"Confermo, senza remore, che il mio impegno futuro sarà nella direzione dello spegnimento rapido dell’inceneritore attraverso la politica delle 3R: Riduco, Riuso e Riciclo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Ringrazio il Movimento 5 Stelle per il contenuto del comunicato di sfida ed in particolar modo per le affermazioni in esso contenute.

Hanno dato conferma in merito alla bontà della nostra proposta, ovvero che la via migliore per fermare l'inceneritore, allo stato attuale delle cose, è aumentare la raccolta differenziata fino a livelli oltre il 70%.

Inoltre si può aggiungere che nel caso in cui Iren tentasse di utilizzare, quale "combustibile", rifiuti provenienti da fuori provincia aiuterebbe tutti noi a chiudere l'attività dell'inceneritore ancora più in fretta; è bene ricordare che nell'autorizzazione del 2008 è espressamente indicato che i rifiuti destinati all'impianto di Parma debbano essere esclusivamente quelli prodotti nella nostra provincia.

La provocazione da loro lanciata però mi sembra pretestuosa e populista, dimettersi proprio nel momento in cui servono tutti gli sforzi per far rispettare l'autorizzazione e la conseguente chiusura dell'impianto, lasciando le porte aperte a chi invece è favorevole al suo funzionamento, mi sembra un'assurdità e sarebbe di certo controproducente per la causa comune.

Sicuramente il discorso è diverso, se io fossi eletto, nel caso in cui il mio voto futuro andasse in direzione contraria a quanto affermato fin d'ora; sarebbe eticamente necessario farsi da parte, perché diversamente tradirei il patto fatto con gli elettori.

Confermo, senza remore, che il mio impegno futuro sarà nella direzione dello spegnimento rapido dell’inceneritore attraverso la politica delle 3R: Riduco, Riuso e Riciclo.
 
Enrico Carlo Arillo
Candidato Indipendente nelle liste del PdCI al Consiglio Comunale di Parma

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento