Bernazzoli incontra il comitato via Toscana svegliati

“Esempio di cittadinanza attiva da sviluppare in tutti i quartieri”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

“Il comitato di quartiere Toscana Svegliati è, al pari di altre realtà presenti in città, un esempio di cittadinanza attiva che vogliamo sviluppare in tutti i quartieri e frazioni”. Il candidato sindaco Vincenzo Bernazzoli  ieri sera ha incontrato i componenti del comitato della zona di via Toscana al circolo La Grande, mentre oggi si è recato agli orti di via del Garda per ascoltare le proposte e le attività promosse da queste realtà per vivacizzare il quartiere. “Queste belle realtà – spiega Bernazzoli –  dimostra la fondatezza di quello che andiamo dicendo da tempo: la rivitalizzazione dei quartieri e quindi il ritorno a quella coesione sociale che da sempre è la forza di Parma, deve partire dal basso, dal senso civico di ogni parmigiano. Solo se i cittadini si sentono i primi responsabili del  proprio quartiere possiamo rendere ancora più bella e vivibile ogni zona di questa città”. Il comitato “Toscana Svegliati” promuove periodicamente una serie di iniziative sociali che riscuotono un grande successo: feste, cene a tema, ma anche un giornalino bimestrale pensato per dar voce alle varie realtà della zona. “La comunità quartiere si costruisce proprio in questo modo – rimarca Bernazzoli – L’impegno dei cittadini però non basta, l’Amministrazione comunale deve essere concretamente al fianco di questi organismi,  evitando i blitz sporadici a puro beneficio dei mezzi di comunicazione, ma lavorando seriamente per  favorirne la crescita in ogni zona della città”.

Le iniziative promosse da questa realtà e da altre esperienze aggregative sono l’ulteriore riprova della necessità di ripartire dai cittadini. “Abbiamo costruito il nostro programma partendo dall’ascolto dei parmigiani – osserva Bernazzoli -  per offrire risposte ai veri bisogni della città. L’attività di questa e altre realtà sono un ulteriore elemento che conferma e rafforza il fatto che conosciamo la città e le sue necessità”.  Durante l’incontro sono state fatte presente anche una serie di problematiche e necessità, a partire dalla carenza di negozi di vicinato, dalla necessità di una maggiore sicurezza, di nuovi marciapiedi e di una migliore illuminazione. Da parte sua il comitato si è reso disponibile ad occuparsi della gestione dell’area verde di via Tiepolo. “Ho apprezzato la volontà di questi cittadini a collaborare attivamente  - spiega Bernazzoli – e sono convinto che l’Amministrazione debba fare tutto il possibile per mettere in condizione queste realtà di promuovere i propri progetti e attività a favore del quartiere. Il futuro di Parma si costruisce partendo dal basso”. Per questo l’intento è quello di dotare ogni zona della città di servizi di qualità, a partire da “case della salute, centri sociali e spazi aggregativi”. Bernazzoli rispondendo infine ad alcune domande sul termovalorizzatore ha ribadito come l’entrata in funzione dell’impianto “permetterà di ridurre le tariffe, soprattutto per i meno abbienti”, assieme all’impegno a dar vita ad un “osservatorio nel quartiere San Leonardo per garantire la massima trasparenza nei controlli e per salvaguardare la salute dei cittadini”.

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento