Laura Cavandoli (Lega Nord) contro la violenza sulle donne

Il disagio femminile non deve restare chiuso tra le pareti domestiche ma deve essere affrontato come un male della società e, purtroppo, la crisi economica - unitamente all'abuso di alcool e droghe - hanno causato un rilevante incremento dei comportamenti violenti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Ormai quotidianamente la cronaca riporta episodi di violenza a carico di donne e soggetti deboli: questo deve fare riflettere i cittadini e deve impegnare la prossima Amministrazione Comunale nella prevenzione di comportamenti molesti o violenti istituendo un programma di informazione e predisponendo strutture dedicate all'ascolto con assistenti sociali e legali che possano individuare e bloccare episodi di violenza prima ancora che si verifichino. Così il reato di stalking, introdotto grazie alle insistenze del Gruppo Politico femminile della Lega Nord ed integrante l'odiato comportamento persecutorio che produce un'alterazione nell'equilibrio delle vittime tale da imporre una vita di ansia e paura, ricorre sempre più spesso nelle cronache giudiziarie.

Il disagio femminile non deve restare chiuso tra le pareti domestiche ma deve essere affrontato come un male della società e, purtroppo, la crisi economica - unitamente all'abuso di alcool e droghe - hanno causato un rilevante incremento dei comportamenti violenti.

L'attenzione alla famiglia e alle donne, che garantiscono la crescita della stessa, si realizza solo predisponendo specifici servizi e razionalizzando le risorse a disposizione, creando posti di lavoro nel sociale anche con il sostegno delle associazioni di volontariato, nel tentativo di realizzare un passaggio delle risorse umane dotate di competenze acquisite con l'attività volontaristica ad un vero e proprio impiego socialmente impegnato.

Laura Cavandoli
Candidata per il consiglio comunale
Lista Lega Nord

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento