Ghiretti: “Prima della Moschea, qui serve una scuola più grande”

Il candidato sindaco di Parma Unita incontra i cittadini di Eia e Fognano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

“La Moschea non può essere trasferita così – dichiara Roberto Ghiretti –, non prima di un serio confronto sia con i residenti della zona individuata, sia con la comunità islamica. La soluzione paventata a Eia non è idonea: non ci sono servizi adeguati, soprattutto a livello di trasporti pubblici. Ma soprattutto, ripeto, si tratta di una questione delicata, che ha mille risvolti, e che deve essere affrontata dal prossimo Sindaco, non dal Commissario. Per questo chiedo a Mario Ciclosi di aspettare e di lasciare che a decidere siano, com'è giusto, i parmigiani e il Sindaco da loro scelto”.

È quanto dice Roberto Ghiretti, candidato sindaco di Parma Unita, ai cittadini di Eia e Fognano, durante un incontro pubblico: “Ormai si tratta di aspettare qualche settimana soltanto. Sinceramente non capisco certe accelerazioni. Anche sulle ordinanze, ormai tutti hanno capito che il problema non è emetterle, ma farle rispettare. Il rischio è, in buona fede, di complicare le cose anziché risolverle”.

Ghiretti prosegue raccontando la sua campagna elettorale: “Oggi, mentre gli altri candidati sono a fare la ‘vasca’ in centro, a stringere mani – aggiunge Ghiretti –, io sono qui ad ascoltare i cittadini. In queste settimane ho incontrato quasi 15 mila persone, percorrendo la città in lungo e in largo, grazie a circa 150 incontri, molti dei quali mi sono stati chiesti dai cittadini. Queste sono state le mie primarie. Questo è il mio metodo. Perché sono convinto che solo così si prendano le decisioni giuste, senza forzature decise a tavolino e poi calate sulla testa della gente”.

Qui, per esempio, “è evidente che la scuola di Fognano vada ampliata - prosegue Ghiretti -; lo dite voi, lo dicono i numeri, lo dice il buon senso”. Il quartiere ha anche bisogno di risposte concrete in termini di sicurezza, e più attenzione sul fronte della manutenzione: “Il decoro urbano è importante, perché è un termometro della qualità della vita dei cittadini e specchio della cultura di una comunità – sottolinea Ghiretti –. Per questo ribadisco il mio pensiero: ‘chiudere i cantieri e aprire i quartieri’, cioè passare dalle grandi opere, che sono inutili colate di soldi pubblici, a piccoli e costanti interventi di qualità su strade, marciapiedi e aree verdi: si tratta di interventi mirati ed economicamente sostenibili, che però cambiano la faccia della città”.

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento