Roberti (Parma Bene Comune): "Lo striscione, per dichiarare il nostro antifascismo"

Replica della candidata sindaco alle dichiarazioni di Federico Pizzarotti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Riteniamo doveroso replicare alla nota polemica di Federico Pizzarotti, che evidentemente non è avvezzo a partecipare alle manifestazioni del 25 aprile, altrimenti saprebbe che da 67 anni tutte le forze antifasciste testimoniano la loro presenza nei cortei del 25 aprile portando le loro bandiere e i loro striscioni. Roberta Roberti ha invitato gli altri candidati sindaco al silenzio elettorale, non ha certamente chiesto alle forze politiche e ai movimenti di nascondere la loro identità, specie in considerazione del fatto che gli organizzatori non avevano dato alcuna indicazione contraria. Lo striscione di Parma Bene Comune è stato dunque un modo per dichiarare la nostra partecipazione alla celebrazione del 25 aprile e la nostra militanza antifascista, al di là e indipendentemente da qualunque campagna elettorale. Non a caso la Roberti non era dietro lo striscione, proprio per evitare qualunque strumentalizzazione. Invitiamo piuttosto gli amici del Movimento 5 stelle a tradurre in azioni concrete il loro “forte sentire antifascista e contro ogni totalitarismo” assumendo posizioni incontrovertibili in merito a qualunque manifestazione e formazione neofascista, ad iniziare da Casa Pound e Forza Nuova. Ricordiamo infine che nel nostro programma è scritto a chiare lettere quale sia la nostra posizione in merito all’antifascismo e alla presenza di Casa Pound in città. Non a caso abbiamo convintamente aderito al documento prodotto dai Comitati antifascisti, con cui si richiede a chiare lettere la chiusura di questa struttura.

 

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento