Roberti (Pbc): "Non trasformiamo il 25 aprile in contesa elettorale"

Quale candidata sindaco della lista Parma Bene Comune assicuro la nostra partecipazione festosa alla celebrazione del 25 aprile nella totale osservanza del silenzio elettorale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il programma per la celebrazione della Festa della Liberazione è ricco di iniziative ed eventi storico-culturali importanti.

La ricorrenza del 25 aprile è, da sempre, occasione di ricordo e di gioia. Quella data ha segnato la fine della tragica guerra, voluta da Benito Mussolini, che tante sofferenze, lutti e rovine ha procurato al Paese.

La memoria di quel tragico periodo deve essere tenuta viva e fatta conoscere alle nuove generazioni affinché non abbia mai più ad allignare nell’animo di alcuno la malsana idea del ricorso alla forza per imporre il proprio pensiero.

La concomitanza della celebrazione del 25 aprile con la già avviata campagna elettorale per l’elezione del Sindaco vincola tutti noi alla rispettosa partecipazione alla Festa nel silenzio elettorale.

La Festa non può essere trasformata in contesa elettorale.

Quale candidata sindaco della lista Parma Bene Comune assicuro la nostra partecipazione festosa alla celebrazione del 25 aprile nella totale osservanza del silenzio elettorale.

Silenzio, innanzitutto, dovuto per rispetto per i Caduti e i Combattenti che si sono sacrificati per restituirci la libertà.

Chiedo pertanto a tutti i Candidati a Sindaco di condividere l’impegno al rispetto del silenzio elettorale nella ricorrenza del 25 aprile.

Sono fiduciosa che il candidato sindaco Vincenzo Bernazzoli, nel rispetto dei valori della Festa della Liberazione, vorrà delegare un suo Assessore a rappresentare la Provincia anziché, come da programma, intervenire direttamente nella manifestazione celebrativa quale Presidente della Provincia e candidato a Sindaco della Città.

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento