Roberto Ghiretti: "Turno speciale dei Vigili per la movida"

Intervento del candidato sindaco per Parma Unita

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

“Dobbiamo risolvere una volta per tutte il problema Movida. Ripartendo da zero. Troppi gli errori, troppi i passaggi a vuoto commessi sin qui. Una volta per tutte, superiamo le ordinanze: sono tante, talvolta contraddittorie, non vengono rispettate, sono continuamente impugnate. Si deve fare un nuovo regolamento chiaro ed inattaccabile, con poche regole ma chiare. E con controlli continui e severi. Parleremo con i residenti, con i commercianti, con i cittadini. E alla fine decideremo. Nulla sarà calato dall’alto, ma una volta stilato, sarà un regolamento da rispettare. Come? La mia proposta è istituire un turno speciale della Polizia Municipale nei giorni della Movida”.

Roberto Ghiretti, candidato sindaco di Parma Unita, interviene sul divertimento notturno con una proposta netta, chiara, drastica: “La Movida non è più quell’opportunità trasversale che era all’inizio: per i giovani, per i commercianti, per i residenti. Ho incontrato questi ultimi: non dormono più la notte e non sanno più cosa fare. La maleducazione, nei fine settimana, impera. Si sentono abbandonati dalle istituzioni. Non chiedono tanto, basterebbe un vero e rigoroso rispetto delle regole”.

Volumi, orari, plateatico, parcheggio selvaggio, schiamazzi; tutto dovrà essere controllato e i trasgressori puniti: “Otto operatori della sicurezza gireranno le strade centrali della città, via Farini e via d’Azeglio in particolare, nei giorni interessati dalla Movida. La Movida, ormai, ha assunto dimensioni tali che non può che essere guardata con un occhio di riguardo da parte di chi deve tutelare la sicurezza. E chi deve farlo è il Sindaco. Nessuno dice di annullare il divertimento serale, tutt’altro – precisa Ghiretti -: i locali di via d’Azeglio e via Farini sono una risorsa per la nostra città, ma ci devono essere dei limiti. Divertimento sì, ma fino ad una certa ora. Credo siamo arrivati ad un punto di non ritorno: dov’è finita l’educazione dei nostri giovani? E il rispetto del prossimo? Il sonno notturno è un diritto”.

Altra questione sono le opportunità di svago che Parma offre ai giovani: “Sembra che il dibattito si sia arenato sull’adagio ‘Movida sì o Movida no’: credo si debba superare tale dualismo, ragionando sulle alternative che dobbiamo dare ai nostri ragazzi – conclude Ghiretti -. Se ampliamo l'offerta delle opportunità di svago, il problema movida si sgonfia da sé”.

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento