menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, Ghiretti fa un passo indietro: "Non mi candido"

Alle porte del nuovo anno che porterà con una nuova tornata elettorale, il consigliere Ghiretti esprime la sua non volontà di candidarsi alla guida della città. Nell'articolo le motivazioni della scelta

Alle porte del nuovo anno, che porterà con sè anche il cambio di giunta comunale, le motivazioni del consigliere Ghiretti di Parma Unita a non candidarsi per la figura di sindaco cittadino: "In questi giorni in cui assistiamo al moltiplicarsi di candidature più o meno credibili alla guida della città vorrei cogliere l'occasione per annunciare invece la mia disponibilità... a non candidarmi.

Da quando ho dato il via a questa mia esperienza nella politica cittadina ho sempre sostenuto la necessità di costruire un progetto che unisse e non dividesse, che portasse le forze migliori della città a mettersi al servizio di Parma, dei suoi bisogni e delle sue necessità. Nel fare questo ho sempre precisato di essere disponibile a ricoprire il ruolo di generale o soldato semplice, nella convinzione che il primo passo necessario per un'azione così decisa e importante fosse quello di mettersi a disposizione e non certo dare libero sfogo a personalismi ed egocentrismi che sono l'esatto opposto di quanto auspicato.

Per anni ho lanciato appelli nella speranza che questo processo potesse avviarsi immediatamente e con successo ma stravolgere l'alfabeto di una politica troppo spesso fossilizzata sulle proprie posizioni e preconcetti si è rivelato compito ben più arduo di quanto preventivato. Di fatto solo negli ultimi mesi qualcosa si è mosso, e mi riferisco alla lettera appello che Paolo Scarpa e un nutrito gruppo di cittadini hanno sottoscritto chiedendo alle forze politiche esattamente quanto chiedevo io stesso: “dare vita alla costruzione di un processo politico non ancora tentato prima, che parta dal basso, in cui si risolvano conflittualita? ormai arcaiche e si crei coesione tra partiti democratici, movimenti e societa? civile, per un futuro sostenibile da costruire insieme”.

A questo invito rispondo proponendo di incontrarci subito con i cittadini, il Pd, le altre forze politiche che aderiranno, per stabilire regole condivise, tempi corretti per le consultazioni, che permettano un confronto disteso con la città. Parma viene per prima, è questo il senso della mia disponibilità a un passo indietro. Sono fiducioso che nessuno si opporrà a un percorso di trasparenza e di apertura.

Tanti oggi scrivono che il succo di questo messaggio è che vogliamo fare le primarie del Pd. È una semplificazione che non coglie il senso di questa iniziativa che invece punta a superare dinamiche che in passato hanno mostrato tutti i loro limiti. Il punto non è costruire un'alleanza con questa o quella forza politica, se così fosse avremmo già fallito in partenza; quello che serve è decidere di lavorare insieme per costruire una squadra e scegliere insieme il candidato attraverso un percorso chiaro, alla luce del sole e che coinvolga la città. Chi accoglierà questa istanza sarà il benvenuto a bordo! In questo senso sbagliano coloro i quali, da destra e sinistra, hanno risposto all'appello facendo subito distinguo e distribuendo patenti di “purezza” di cui davvero nessuno oggi sente il bisogno. In gioco c'è la creazione di qualcosa di davvero nuovo, in cui conti più l'ensemble che il direttore d'orchestra. Dunque nessun leader in veste di salvatore, nessuna preclusione, solo tanta voglia di misurarci sulle idee, superare gli ostacoli e tracciare la strada per il futuro di questa città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Attualità

Cgil: assemblea per far ottenere i rimborsi ai rider

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento