Potere al Popolo si presente a Parma: tutti i candidati

Assemblea pubblica di Potere al popolo, mercoledì 31 gennaio, ore 21.00 all'Auditorium Toscanini (via Cuneo, 3)

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Parma ha accettato la sfida. E con la città anche la provincia: insieme abbiamo raccolto quasi mille di quelle firme che servivano per presentare la lista di Potere al Popolo alle prossime elezioni del 4 marzo. Dunque, la follia, il sogno, quel messaggio partito dal basso e che in due mesi e mezzo ha suscitato entusiasmo in centinaia di assemblee si è trasformato in realtà. La prima tappa è superata, ora è tempo di riunirsi ancora per confrontarsi, condividere e decidere insieme, proprio come abbiamo fatto finora. E lo faremo mercoledì 31 gennaio alle 21.00 all’Auditorium Toscanini (a Parma, via Cuneo n.3). Insieme approfondiremo il programma, per indicare esigenze, per proporre nuove soluzioni e anche per conoscere i candidati di Parma della lista: Nicoletta Ariosi, Margherita Becchetti, Andrea Bui, Stefano Carosino ed Emilio Rossi. Questi, così come è successo anche a livello nazionale, sono stati scelti durante le nostre assemblee pubbliche, con una logica sconosciuta ai partiti di potere e, in particolare, sulla base dell’impegno dimostrato in anni di attività sociale e politica fuori dal palazzo. Mercoledi prossimo, i cinque candidati di Parma di Potere al popolo saranno insieme alle decine di cittadine e cittadini che hanno reso tutto questo possibile, per unirsi in un corale Sì alla Giustizia Sociale, all’Uguaglianza, alla Cooperazione e alla Solidarietà: tutte maiuscole, come l’importanza che rivestono nell’appello lanciato da Potere al Popolo. Una partecipazione e un calore così diffusi portano con sé un messaggio molto chiaro: trasformiamo la nostra società. Invece di sgomitare e competere obbedendo al mercato, questa misteriosa entità, vogliamo unirci e lottare fianco a fianco. Potere al Popolo non chiede deleghe, ma condivisione del conflitto contro privilegi e bugie di una minuscola minoranza, che ha creato devastazione sociale e ambientale al limite dell’irreversibile. Vogliamo e possiamo agire perché noi insieme siamo tanti, un popolo, e loro, invece, resti di una società decadente.

Torna su
ParmaToday è in caricamento