Elezioni Politiche 2013

Elezioni 2013, da Parma la 'carica' degli operai del Pcl

Quattro operai e un'operatrice socio-sanitaria, ex candidata sindaco, si presentano nella lista per la Camera del Partito Comunista dei Lavoratori. Nessun accordo con Rivoluzione Civile

Liliana Spaggiari, candidata alla Camera per il Pcl

La carica degli operai. Tra le tante liste che verranno presentate a Parma per le prossime elezioni politiche di febbraio quella che propone il Partito Comunista dei Lavoratori di Parma è quasi interamente formata da operai, che vivono e lavorano nella nostra città. Il Pcl avrà simbolo e liste indipendenti. In lista, oltre all'ex candidata a sindaco di Parma Liliana Spaggiari, appaiono alcuni nomi con accanto la dicitura 'operaio' o 'operaia'. Da Parma un gruppo di operai punta al Parlamento? Difficile, se non impossibile l'impresa ma le intenzioni ci sono. Dalla sede di borgo delle Colonne il Partito del leader Ferrando non si aggrega alla lista di Rivoluzione Civile e corre da sola. I candidati per la Camera: Mirco Baroni, operaio. Spaggiari Lilliana operatrice socio sanitaria (ex candidata sindaco alle scorse amministrative), Michele Ziveri, operaio; Luigi Allegri, operaio e Stefania Cattivelli, operaia.

"Il Partito Comunista dei Lavoratori si presenta con un programma fortemente anticapitalista e antiliberista, in contrapposizione con le politiche proposte fino adesso dai vari governi che si sono succeduti alla guida del paese sia di “destra” che di “centro-sinistra”, con i risultati noti a tutti gli italiani. Il P.C.L come alle scorse elezioni amministrative parteciperà autonomamente senza alcun compromesso nè alleanze con forze politiche “garantiste” e “giustizionaliste”, che oramai spopolano nel panorama politico, pur di avere qualche poltrona o privilegio di comodo, senza intraprendere una reale lotta di classe, unica soluzione per il bene del popolo Italiano".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2013, da Parma la 'carica' degli operai del Pcl

ParmaToday è in caricamento