Etichettatura nutrizionale, Caselli a Salvini: "Quando smetterà di raccontare bugie?"

Le parole di Simona Caselli, assessore regionale all’Agricoltura e candidata alle prossime regionali nella lista del Partito Democratico a sostegno di Stefano Bonaccini

Simona Caselli, assessore regionale all’Agricoltura e candidata alle prossime regionali nella lista del Partito Democratico a sostegno di Stefano Bonaccini, commenta le dichiarazioni di Matteo Salvini sulle etichettature nutrizionali.

“Quando smetterà il Senatore Salvini di raccontare bugie e prendere in giro agricoltori e consumatori piacentini e italiani? Le dichiarazioni odierne sui sistemi di etichettatura nutrizionale a semaforo, dimostrano ancora una volta la superficialità della Lega.

Facciamo chiarezza: non esiste alcuna norma europea che regoli i sistemi di etichettatura nutrizionale (che indicano cioè la quantità di grassi, zuccheri e sale nei cibi). Tuttavia, negli ultimi anni, gli obiettivi di sicurezza alimentare e tutela dei consumatori si sono tradotti in sistemi diversi di etichettatura nutrizionale fronte pacco, implementati volontariamente a livello nazionale, come quello ‘a semaforo’ francese - il cosiddetto NUTRISCORE -, a cui si affiancano anche il modello ‘a serratura’ nei paesi scandinavi, o il modello ‘a batteria’ presentato dall’attuale governo proprio qualche settimana fa, e supportato dall’intero sistema produttivo italiano, dagli agricoltori ai trasformatori.

Quello che serve adesso non sono le polemiche di Salvini, ma che, a partire da Piacenza e dall’Emilia-Romagna, riusciamo a fare squadra come sistema Italia e ottenere un sistema di etichettatura uguale per tutti a livello europeo, basato su ricerche scientificamente fondate, che eviti ai nostri consumatori di trovarsi davanti a informazioni diverse ed incongruenti tra vari Paesi, e che soprattutto non condizioni gli acquisti ma fornisca informazioni complete per poter operare scelte d’acquisto consapevoli.

Noi siamo sempre stati chiari in Europa: già nel 2016, con un’interrogazione alla Commissione che aveva come primo firmatario l’eurodeputato Pd Paolo De Castro, e supportata da quasi 100 deputati, di 13 diversi paesi e di tutti i gruppi politici tranne quello della Lega (forse perché la cosa non avrebbe fatto piacere alla loro alleata francese Marine Le Pen?), abbiamo chiesto un sistema che informi i consumatori senza condizionarne le scelte di acquisto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sarebbe ora che la Lega si unisse a noi in questa battaglia, se davvero non vuole che una bibita light venga spacciata per migliore rispetto a un succo di albicocche. Ne hanno più che mai bisogno i nostri produttori, consumatori e l'intero settore agroalimentare italiano”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

Torna su
ParmaToday è in caricamento