Futuro e Libertà: "Con l'abbandono di Vignali finisce un'era politica"

Nota del coordinatore provinciale Antonio Rozzi sulle dimissioni del sindaco

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Con le dimissioni del Sindaco Pietro Vignali a Parma, non solo finisce una Giunta, ma finisce un'era politica contraddistinta dai personalismi e dalla ricerca su ogni azione del consenso politico e non del buon governo. Il centrodestra locale "PDL" mascherato sotto lista civica è emerso solo nel momento degli scandali; la forte personalizzazione della dirigenza locale del PDL ha portato sia il Sindaco che l'intera classe politica alla guida del Comune all'abbandono del contatto con la gente e la città, preferendo interessi di lobby che spesso sono cadute in ridicole figure. La fuoriuscita del Sindaco con la frase "in arrivo i settanta milioni di fondi ex metrò, ora posso lasciare" dimostra quanto il primo cittadino abbia completamente dimenticato gli oneri che un Sindaco deve alla propria città e in questo caso l'onere maggiore era chiedere scusa, visto che i fondi della metropolitana a perderli è stata la sua Giunta, o forse non sapeva.
Futuro e Libertà per l'Italia conscio di essere un partito nuovo fatto di giovani appassionati di politica, per il senso che delle Istituzioni e per il forte attaccamento che ha alla Patria e alla Città, auspica un forte risveglio della buona politica e un clima di serenità per una Città che dovrà essere protagonista in Europa, non con il campanilismo ma con le proprie peculiarità.

Antonio Rozzi - Coordinatore provinciale FLI di Parma

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento