rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Politica

Giampaolo Lavagetto: "Diritto alla salute: così non va"

Il candidato sindaco: "Per le persone lo Spid è un’odissea per attivarlo e praticamente inutile per la prenotazione degli esami"

"La tutela del diritto alla salute dei parmigiani - si legge in una nota del candidato sindaco Giampaolo Lavagetto - così non va bene. Askl e Ospedale, ancora parlano ai cittadini con lingue diverse, essendo al palo il progetto di unificazione. Per le persone lo SPID è un’odissea per attivarlo e praticamente inutile per la prenotazione degli esami, visto che negli ambulatori poi richiedono il cartaceo. Un terno al lotto la prenotazione di visite ed esami. La medicina territoriale è ancora inadeguata per le risposte che servono. Il Sindaco, con il Consiglio Comunale è il responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio. Egli non ha la gestione del servizio sanitario ma ad esso sono affidati poteri di programmazione, di controllo e di giudizio sull’operato del direttore generale delle ASL. Soprattutto il sindaco deve conoscere lo stato di salute della popolazione e deve attivare e implementare iniziative e strategie di promozione della Salute stessa. Tenuto conto anche del ruolo di Presidente della conferenza territoriale sociale e sanitaria che oggi ha il Primo Cittadino di Parma, come Sindaco e vista anche la mia esperienza di medico, attraverso una attenta valutazione dei bisogni, intendo elaborare un Profilo di Salute Territoriale che individui le criticità e le priorità, identificando uno standard ottimale di salute della popolazione locale. Successivamente, coinvolgendo i diversi attori presenti sul territorio, progettare e programmare un piano di azioni tali da garantire il mantenimento di questi standard, verificandone periodicamente con il Consiglio Comunale l’attuazione da parte delle aziende sanitarie preposte". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giampaolo Lavagetto: "Diritto alla salute: così non va"

ParmaToday è in caricamento