il silenzio assordante delle istituzioni

Cittadini chiedono di poter ripulire un parco ma il comune non risponde.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Nella giornata del 4 settembre, alcuni cittadini hanno scritto al comune di Colorno per chiedere autorizzazione a ripulire a proprie spese il parco pubblico di via Pasini, dai rifiuti. La data scelta era stata il giorno 16 settembre (domenica). Il tutto per poter garantire ai bambini di giocare senza il rischio di farsi male con i vetri delle bottiglie, e nella migliore condizione. A questa autorizzazione, era stata fatta inoltre richiesta di alcuni cestini con posacenere da dislocare sulla via Pasini, spesso invasa da rifiuti di ogni genere e mozziconi di sigarette. Sebbene non fosse necessaria alcuna specifica autorizzazione, per recarsi a raccogliere dei rifiuti, il gruppo AMO COLORNO, ha ritenuto giusto e corretto, avvisare prima di tutto le istituzioni. Purtroppo nessuno ci ha dato risposta, e la nostra volontà di dare una mano al paese in qualità di liberi cittadini, è stata bocciata con un freddo silenzio. Non capiamo le motivazioni di tutto ciò, ma avremmo quantomeno sperato in una risposta. Se dei cittadini si vogliono impegnare per dare una mano, non è giusto far finta di niente. Se è pur vero che un cittadino non può sostituirsi alla pubblica amministrazione se non nei termini delle normative disposte, è anche giusto dire che i cittadini meritano sempre una risposta, anche solo negativa. Il silenzio assordante delle istituzioni non è mai stato un bel segnale. Tuttavia non ci perdiamo d’animo, e ringraziando per la mancata risposta, teniamo ad informare che continueremo a documentare i tanti episodi di degrado e inciviltà che ultimamente si stanno verificando con allarmante frequenza. IL GRUPPO AMO COLORNO

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento