menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Audit, scatta la protesta contro l'Imu: "Così non lo paghiamo"

La Commissione Audit bacchetta il Comune per aver ignorato le emergenze della città. Il gruppo propone una linea alternativa: rinegoziare il debito con le banche

Ripianare il debito o garantire i servizi? La Commissione Audit non ha dubbi: “il diritto alla casa, alla scuola, alla salute, al lavoro sono intoccabili”. Il gruppo ha incontrato oggi i cittadini al circolo Zerbini di via Bixio per parlare del debito che grava sulle casse comunali e delle scelte che l’amministrazione Pizzarotti sta attuando per il risanamento. “Capelli ha riconfermato la linea Cilosi con un documento contabile che ignora le emergenze e le esigenze di città e cittadini” parole dure con le quali Cristina Quintavalla ha descritto la politica di bilancio del neo-assessore.

'PERCHE' STROZZARE UNA CITTA'?. “Il sindaco dice che noi vogliamo distruggere il loro lavoro, – afferma Pagliari – ma non è così. Si sta cedendo ad artifizi contabili a scapito dei cittadini che languono occupazione e servizi pubblici”. Della collaborazione proclamata in campagna elettorale, neanche l’ombra. “Da quando è stato eletto Pizzarotti non siamo mai riusciti a parlare con nessuno della Giunta, – dichiara Cristina Quintavalla – ma siamo qui per collaborare. Qui si sta imponendo di risanare il debito in soli tre anni, ma perché strozzare una città? Perchè si triplica l’Imu senza spiegare a chi, per cosa e a quali condizioni dobbiamo restituire del denaro?”.

LE PROPOSTE. Cinque idee che potrebbero, se applicate, far cambiare rotta all’amministrazione Pizzarotti finora poco incline a differenziarsi dalla Giunta Vignali. La prima delle cinque proposte riguarda l’esenzione delle fasce più deboli dal pagamento dell’Imu, in secondo luogo si consiglia all’amministrazione di destinare il 20% delle entrate tributarie in surplus alla spesa sociale, non solo al pagamento dei debiti verso le banche. In più si chiede di istituire una commissione che indaghi su come si è creato il debito e chi ne è responsabile e di definire linee politiche per il risanamento delle casse comunali. Il tutto ad una condizione: bisogna rinegoziare il debito con le banche. “Altrimenti il debito non lo paghiamo!” chiosa la Quintavalla annunciando l'assemblea pubblica del 23 novembre.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento