Politica

"in futuro sogno a colorno, un'amministrazione attenta alle generazioni future..."

Daniela Maioru entra nel coordinamento di Amo - Colorno per la famiglia e il sociale.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il gruppo Amo Colorno è orgoglioso di annunciare l’ingresso nel coordinamento della mamma Daniela Maioru. Daniela si occuperà della parte legata al sociale e alla famiglia. Nata in Romania nel 1981, si è laureata in giurisprudenza nel 2005. Vive nella bassa est parmense dal 2010 e negli anni ha avuto il tempo e la possibilità di conoscere meglio Colorno e la sua bellissima storia, affascinandosi talmente ad essa, tanto che nel 2017 ha deciso di fare del paese di Maria Luigia, la sua residenza. Sposata dal 2011, ha una figlia di 5 anni che frequenta la scuola materna del paese, ed è un’accanita sostenitrice della famiglia tradizionale. Aperta a tutte le diversità, ritiene però che un bambino per essere cresciuto al meglio abbia bisogno prima di tutto di amore e allo stesso tempo di un padre ed una madre, per comprendere appieno le diversità tra uomo e donna che la natura da sempre ha deciso di donare. Ha sempre avuto una grande sensibilità per anziani e bambini. In Romania coordinava l’attività di uno spazio giochi/ludoteca per bambini di 1-6 anni, oltre ad impegnarsi a favore dei bambini con l’HIV. Dal 2015 ad oggi, si occupa di servizi di assistenza e sostegno agli anziani. Daniela si presenta con queste parole: “Il mio ruolo è sempre stato quello di gestire attività di coordinamento inerente a servizi di assistenza domiciliare e ospedaliera, ed ho sempre voluto garantire alle famiglie bisognose assistenza qualificata, sicura, tempestiva e continuata. Come mamma, ho avuto la possibilità di vivere situazioni spiacevoli e non poche volte sono rimasta sconcertata. Ho tanta voglia di impegnarmi nel mio ruolo, di dare una mano. Ho in mente tante idee. Ad esempio un dormitorio per la scuola materna di Colorno, per bambini di 3-4 anni che sono costretti perennemente a dormire nelle stesse sezioni dove giocano, mangiano oppure fanno attività di laboratorio. Vorrei che vi fossero delle visite guidate gratuite alla Reggia di Colorno, per tutti gli alunni, a partire dalla scuola materna e mi piacerebbe ci fossero tanti percorsi educativi come ad esempio le fattorie didattiche, in grado di dare la possibilità ai bambini di conoscere realtà diverse e di acquisire maggiore conoscenza. Ritengo essenziale “sapere” ed è per questo che vorrei tanto ridare lustro e più vita alla biblioteca di Colorno, riportando così il piacere della della lettura. La biblioteca, io la vedo come un luogo d’interazione. Come un luogo sicuro e di crescita personale, in grado di impegnare i nostri giovani che spesso e specie nel nostro paese, hanno poco da fare o nulla”. Daniela farà un ottimo lavoro, ne siamo davvero convinti. Il coordinamento del gruppo AMO - COLORNO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"in futuro sogno a colorno, un'amministrazione attenta alle generazioni future..."

ParmaToday è in caricamento