menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Infiltrazioni d'acqua all'asilo Zanguidi, Ghiretti "annunci sempre troppo patinati e affrettati"

A pochi mesi dall'inaugurazione l'asilo Zanguidi-Zucchero Filato ha subito delle infiltrazioni di acqua causate dalle piogge dei giorni scorsi. Ghiretti critica l'accaduto e "la politica degli annunci di questa amministrazione"

Sono passati pochi mesi da quando l'amministazione ducale ha inaugurato l'asilo Zanguidi.

Purtroppo le forti piogge dei giorni scorsi hanno rivelato un errore nella ristrutturazione della struttura scolastica: infiltrazioni di acqua. Alinovi, assessore all'urbanistica e alle opere pubbliche, ha convocato la ditta appaltante che è già al lavoro per risolvere il danno.

Il consigliere di minoranza Roberto Ghiretti (Parma Unita) ha denunciato l'accaduto imputando la colpa ad una "politica degli annunci affrettati" e nel comunicato inviato alla stampa ripercorre le opere annunciate dall'amministrazione... 

COMUNICATO STAMPA GHIRETTI  - 

Quando un asilo appena ristrutturato e presentato in pompa magna alla stampa si trova ad avere infiltrazioni d'acqua dopo poco più di un mese dalla sua riapertura a dir poco si può affermare che qualcosa non ha funzionato.

È il caso del complesso Zanguidi – Zucchero Filato, che ha risentito gravemente delle piogge dello scorso fine settimana,  al punto che la ditta appaltatrice dovrà intervenire nuovamente. Considerato appunto che il 7 gennaio scorso era stato riconsegnato alla città con tanto di immancabile taglio del nastro mi pare che qualche considerazione si possa e si debba fare.

Per carità incidenti di percorso come questi possono sempre capitare, ma al di là del caso specifico, è singolare il rapporto che questa amministrazione ha con le opere pubbliche considerato l'alto tasso di problematiche evidenziato in questi anni.

A cominciare da quella scuola Racagni che pur essendo già finanziata al momento dell'insediamento della Giunta Pizzarotti ha già accumulato due anni di ritardo e forse vedrà chiudere il cantiere entro la fine di questo mese. Per non parlare della Don Milani per la quale sono stati annunciati a settembre 2014 lavori di ristrutturazione, riqualificazione energetica e sismica di cui al momento non si ha ancora notizia.

Ma se seguiamo la politica degli annunci di questa amministrazione scopriamo che ad esempio per la scuola Anna Frank a marzo dello scorso anno furono annunciati sempre lavori di ristrutturazione, per adeguamento sismico ed energetico, comprendenti la demolizione e successiva ricostruzione della mensa, della palestra e dell’auditorium. L'obiettivo era cantierizzarla entro la fine di giugno e la mensa addirittura doveva essere consegnata a dicembre 2015. Quindici giorni fa la notizia che adesso l'obiettivo è realizzare una “nuova” Anna Frank, il cui cantiere dovrebbe essere partito a fine febbraio...

Esempi se ne potrebbero fare tanti altri ma il tema è sempre quello: agli annunci sempre troppo patinati e affrettati, seguono spesso stop improvvisi e imprevisti vari in seguito ai quali si assiste a dietro front imbarazzanti. Questo a mio parere dovrebbe suggerire da un lato maggiore prudenza, dall'altro controlli più serrati anche, come nel caso dello Zanguidi, alla consegna delle opere. Diversamente temo continueremo ad assistere a questi lavori impalpabili che dopo un avvio a mezzo stampa si perdono nei meandri di iter spesso incomprensibili. Se poi i pochi progetti che arrivano al termine vanno in crisi al primo scroscio d'acqua ecco che il quadro desolante che si viene a configurare non consente di essere ottimisti per quelle opere che dovrebbero essere messe in cantiere nel prossimo futuro, a cominciare dall'inutile abbassamento di borgo Romagnosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Attualità

    Vaccino: entro fine mese in arrivo 354mila dosi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento