Invalidi: Lega, interrogazione per revocare disposizione Inps per incentivi a medici che tagliano disabilità

"Non si può tagliare o abbassare il grado di invalidità da riconoscere durante le visite di accertamento per fare cassa"

"Non si può tagliare o abbassare il grado di invalidità da riconoscere durante le visite di accertamento per fare cassa. La decisione dell'Inps di riconoscere nel Piano delle performance 2018-2020 un incentivo economico ai medici in base a quante prestazioni per malattie e invalidità riusciranno a revocare è davvero pericolosa e rischia seriamente di creare un conflitto tra i medici e  il diritto dei cittadini a vedere riconosciuta la propria condizione di malattia o invalidità. Per questo abbiamo presentato un'interrogazione al Ministro del Lavoro e a quello della Famiglia per chiedere di intervenire per bloccare la disposizione dell'Inps. Allo stesso tempo chiediamo al governo di valutare l'ipotesi suggerita dal presidente della Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilità, di ancorare la retribuzione di risultato al numero di visite effettuate, al fine di migliorare i tempi di attesa per fare oggi una visita di accertamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo dichiarano le deputate della Lega Laura Cavandoli e Elena Murelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "C'è una festa clandestina" e chiamano i carabinieri: era un giovane che giocava alla playstation

  • Va in auto in un supermercato di San Polo d'Enza per fare avance ad una cassiera: parmigiano denunciato

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus, chiusura totale delle attività produttive: aperti supermercati e farmacie

  • Coronavirus: si può fare la spesa in un supermercato fuori dal Comune solo se è il più vicino a casa

Torna su
ParmaToday è in caricamento